CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

martedì 7 luglio 2009

il decalogo anti-molestie

Qualche utile consiglio per evitare molestie e altre situazioni sgradite. Ricordando sempre che non bisogna tacere, ma farla pagare a quegli schifosi!

Estate, caldo, le città si svuotano. Per le donne questo è il periodo più rischioso per i brutti incontri. Senza arrivare ai casi tragici di violenza sessuale da cronaca nera, può capitare a tutte di diventare oggetto di molestie di vario genere: dal complimento pesante al semaforo, alla proposta insistente fino al contatto fisico sui mezzi pubblici o all'atto esibizionista.
In tutti i casi il molestatore conta sulla complicità del silenzio di una vittima psicologicamente indifesa. Secondo il Prof. Paolo G. Zucconi, Neuropsicologo e Sessuologo Clinico Specialista in Psicoterapia Comportamentale e cognitiva
, è proprio la mancata reazione a favorire l'innescarsi di un'escalation di aggressioni fisiche e psicologiche da cui diventa sempre più difficile sottrarsi. Ecco l'importanza di una giusta reazione da parte della vittima, al primo segnale di pericolo. Perché
la legge ci tutela sì, ma a posteriori e su querela. E' importante dunque preparasi preventivamente ad affrontare possibili situazioni spiacevoli, con un repertorio di risposte che aiutino a bloccare la molestia sul nascere, con conseguente incremento del senso di autostima personale.


10 mosse pratiche anti-molestie


1. Reagisci tempestivamente al primo segno di invasione della tua privacy per evitare che la non reazione venga colta come un segno di debolezza tale da indurre il molestatore a continuare la sua opera più pesantemente.

2. A richieste moleste specifiche evita di rispondere in modo troppo generico offrendo al molestatore una speranza di raggiungere il suo scopo.

3. Ogni qual volta che non sei d'accordo con le proposte del molestatore di' apertamente e decisamente di no senza alternative.

4. Di' di no guardando il molestatore, tranquillamente e seriamente, negli occhi ed usa un tono di voce deciso e sufficientemente alto.

5. Di' di no senza giustificazioni cioè senza sentirti in dovere di dire perché non accetti la sua proposta

6. Rispetto allo sproloquio e alla volgarità gratuita e disturbante va detto apertamente, direttamente, decisamente e tempestivamente al molestatore che tale comportamento ti infastidisce e che desìderi che la smetta.

7. In caso di insistenza da parte del molestatore ripeti, in modo conciso ma fermo e tranquillo, come un disco rotto il tuo rifiuto (preferisco di no, non mi va) oppure il desiderio di smettere (basta, finiscila!) finché l'altro non modifica il suo atteggiamento insistente.

8. In caso di molestie tattili attiva un contatto oculare intenso, fulminante e cattivo, poi grida con tonalità vieppiù crescente: vergognoso, giù le mani!

9. Davanti ad un esibizionista evita di fare il suo gioco urlando ed insultandolo (è proprio quello che cerca) ma piuttosto ti conviene guardare con indifferenza dicendo: ho visto di meglio

10. In ogni caso concentrati sul comportamento molesto e sgradevole dell'altro piuttosto che farti preconcetti e dar giudizi, sulla persona che attua il comportamento sgradevole.

(fonte: donne.virgilio.it)

Personalmente per scoraggiare certi individui passerei a ben altre maniere... l'unico linguaggio che certa gentaglia capisce...

20 commenti:

La Lunga ha detto...

un posto utile... ma soprattutto concordo con te con le ultime parole che hai scritto

La Lunga ha detto...

un posto utile... ma soprattutto concordo con te con le ultime parole che hai scritto

Le Favà ha detto...

Bastarebbe comunque più rispetto verso la donna e maggiore peso dello stato. Che è forte con i deboli e debole con i forti.

Pupottina ha detto...

ciao silvia!
bentornata, spero molto attivamente...
il decalogo non mio convince molto... come te credo che servirebbe altro.... i molestatori, come molti uomini più o meno normali, non sono convinti che dietro il no di una donna ci sia un no reale, ma solo un giochetto per fare la preziosa.... l'ho sentita troppe volte questa tiritera che mi ha fatta infuriare altrettante...
hai ragione quando dici che le città diventano più pericolose... proprio questa mattina mi è successo qualcosa inerente questo tema, non grave, non fisico, ma fastidioso... perché anche il complimento pesante o la proposta seccano tanto ...
il problema nel dire no o rispondere nei limiti della decenza o guardare in maniera decisa e contrariata un molestatore funzionano poco se si è in un posto isolato, se uno è un folle a cui è già andata bene in altre occasioni a poco serve... meglio essere campionessa di arti marziali... non credo che altrimenti mi sentirei sicura e protetta....
buon pomeriggio

Pupottina ha detto...

ben detto a Le Favà!!!

articolo21 ha detto...

mah... io al decalogo non credo per principio...

Silvia ha detto...

Pupottina: sì, confermo che penso anche io che le "buone maniere" siano poco utili in questi casi, ma che ci vogliano invece maniere forti e intimidatorie, molto intimidatorie! In fondo, quando si deve scacciare una mosca fastidiosa e molesta con le si fa certamente una carezza... e questo principio dovrebbe essere applicato anche e soprattutto con gli uomini.


Guarda, non c'è cosa più disgustosa e viscida di un uomo che ti rende il centro delle sue attenzioni non richieste... se fosse per me quei tipi li farei sparire tutti all'istante dalla faccia dell Terra.

Purtroppo, i notiziari non fanno altro che parlare di donne aggredite e molestate e siamo tutte sempre a rischio. La sicurezza non è mai dalla nostra e bisogna comunque evitare i posti isolati/bui e avere mille occhi... se penso che siamo ridotte a fare questa vita di continue paure per colpa degli uomini... la mia "stima" nei loro confronti aumenta ancora di più...

Del resto, io continuo a ripetere che l'unica soluzione possibile per porre fine a questo terrore è UNA sola...

Mi spiace per quello che ti è successo, so quanto sia disgustoso. Vorrei mettere la parola fine per sempre a quello che è successo a te e che succede, in maniera più o meno grave, a tante, troppe donne.

katiu ha detto...

Bah, non credo molto in questo decalogo, sono più per la tua soluzione :)

A me sinceramente non è mai capitato, se non una volta sul treno, di sera, al rientro a casa da Torino: un vecchietto si è seduto accanto a me e ha cominciato a chiacchierare e poi a chiedermi dove andavo e simili .. ma era "innocuo" ed in quel caso è bastato un "mi lasci stare" per farlo andar via.

calendula ha detto...

io giro sempre con l'mp3 nelle orecchie non sento mai quello che dicono i deficienti, e nemmeno mi interessa.....i consigli che dai sono UTILISSIMI io vivo in una piccola comunità e tutti conoscono il mio papà e il mio compagno...e quindi raramente si azzardano ad oltrepassare la linea che va dal complimento alla molestia.... in ogni caso.... io non li sento!!! ahahaha

Silvia ha detto...

Katiu: capitò qualche anno fa un vecchietto morboso anche a me... credo che ancora si ricorda le "parole simpatiche" che gli ho gridato...

Calendula: pure io giro con l'ipod alle orecchie... ma siccome io non aspetto altro che la prima occasione per fare MAMBASSA...

Pupottina ha detto...

buon mercoledì cara Silvia...
vederti in giro per i blog è un segno di ripresa... finalmente il tuo pc torna a funzionare...

Auryn ha detto...

mi sembra un decalogo più per smontare un corteggiatore che un molestatore... magari bastasse così poco!
l'unico consiglio che ho parzialmente applicato è stato quando un tizio si è spogliato davanti a me alla stazione dei treni. gli ho detto che ce l'aveva piccolo...

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Post importante davvero.

Peraltro hai ragione devi mostrare che non hai paura e le buone maniere servono meno

Ste ha detto...

Ciao...scusami se non c'entra niente con l'argomento del post ma ti segnalo questa iniziativa: http://dirittoallarete.ning.com/
Ste

calendula ha detto...

Silvia...hai visto Luana ha rimosso il blog....senza una parola... ci sono rimasta così male....

Bruno ha detto...

un post molto utile.....sono pienamente d'accordo con cio' che hai scritto e con i comenti, spesso basta far finta di non aver sentito........
non è assolutamente una giustificazione ma non credi che spesso le ragazze si vestono e hanno molti comportamenti "provocatori"? questo mi urta molto, soprattutto quando poi succedono brutti fatti..
ciao un bacio

Silvia ha detto...

Bruno: come dico sempre, anche se una donna andasse in giro NUDA nessun uomo avrebbe diritto o sarebbe giustificato a metterle un solo dito addosso! Il concetto che i maschi non riescono a farsi entrare in quella testaccia bacata è che la donna non è una loro proprietà e che quindi non hanno alcun diritto di toccarla. La storia del "vestire provocante" ha dato adito a tanti equivoci e fraintendimenti nel corso del tempo arrivando quasi ad ammettere che "il povero uomo che violenta una donna è solo una vittima traviata dall'atteggiamento provocante della donna" e questo ha fatto sì che uomini COLPEVOLI la facessero franca per lungo tempo. E ora è il momento di finirla con questa storia! Perché nei paesi arabi le donne vengono violentate anche col Burqa che non è di certo scollato... quindi il problema non è nell'abbigliamento delle donne... ma nella mente malata degli uomini. Punto.

L'unica cosa che mi urta al mondo... sono gli uomini.

Bruno ha detto...

mi spiace che non hai interpretato il mio pensiero nel modo corretto, pazienza .....
proprio per il fatto che sono un uomo e non ho una mente malata e bacata ma ho avuto molte esperienze vissute nel quotidiano, esperienze create da voi donne e spesso mi giro dall'altra parte perchè credimi è difficile resistere ......
poi se il tuo punto di vista è diverso lo rispetto ....... ma le tue parole "dure" vanno in contrasto con le mie...

lo psicoterapeuta comportamentale ha detto...

leggo con particolare interesse il DECALOGO ANTIMOLESTIE: l'ho scritto io! si trova nel mio sito http://www.dr-zucconi.it/.../news-del.../dettagli-news/...
e ora "scopro" che è presente pure su BLOGGER.COM

lo psicoterapeuta comportamentale ha detto...

leggo con particolare interesse SU LO STUZZICAMENTE il DECALOGO ANTIMOLESTIE: l'ho scritto io! si trova nel mio sito http://www.dr-zucconi.it/.../news-del.../dettagli-news/...
e ora "scopro" che è presente pure su LO STUZZICAMENTE
per cortesia apponete il MIO NOME E COGNOME DAL MOMENTO CHE IL DECALOGO E' STATO COPIATO