CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

mercoledì 8 aprile 2009

terremoto in abruzzo: come aiutare le popolazioni colpite

Il presidente dei medici Snami L’Aquila, Romeo Pulsoni, chiede aiuto: servono con urgenza farmaci, ausili di prima necessità per la cura di infezioni e ferite (antibiotici, garze, disinfettanti, colliri ecc.) e prodotti per l’igiene (sapone, shampoo, dentifrici e spazzolini ecc.).
"Il tutto - si legge nella newsletter - può essere portato direttamente presso l’ambulatorio comunale di Monticchio, mentre il presidente Snami Abruzzo Roberto Ciancaglini fungerà da collettore raccogliendo quanto vorrete al più presto inviare presso il suo studio di Via Comi, 6 - 64100 Teramo - Tel. 0861.24.18.18 e mail cinarob tin.it.
In accordo con la Protezione Civile - conclude Snami L’Aquila - stiamo raccogliendo nominativi di medici disposti, in caso di necessità, a offrire volontariamente la propria opera in queste zone"
Per offrire disponibilità di alloggio:l’UDU sta cercando posti letto telefonare allo 06.43411763 o scrivere a organizzazione@udu.it
Per volontari da tutta Italia:telefonare alla protezione civile nazionale 06.68201
VOLONTARI ABRUZZO DA UMBRIA, TOSCANA, EMILIA, MARCHE Carissimi, il Pd ha attivato un numero verde ed un indirizzo di reclutamento volontari. E' possibile partecipare scaricando il modulo che trovate su www.partitodemocratico.it ed inviandolo a volontari.abruzzo@partitodemocratico.it o spedendolo al numero di fax 0669532465...
Chiodi ha chiesto di sospendere momentaneamente le donazioni di sangue, ne hanno raccolto abbastanza, si consiglia magari di continuare in settimana, ma x il momento meglio fermarsi.
Per effettuare donazioni: C/C BANCARIO n° 218020 presso: Banca Nazionale del Lavoro-Filiale di Roma Bissolati Tesoreria - Via San Nicola da Tolentino 67 – Roma intestato a Croce Rossa Italiana Via Toscana, 12 - 00187 Roma. Coordinate bancarie (codice IBAN) relative sono: IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020 Causale: PRO TERREMOTO ABRUZZO.
L'Abruzzo si sta appoggiando all'Avis del Lazio, CERCANO URGENTEMENTE SANGUE DI RH 0 NEGATIVO. Per INFO 06 491340.
La ONLUS MODAVI sta reclutando volontari civili.... www.modavi.it Info: MO.D.A.V.I. Onlus Tel.: 06/84242188 E-mail: emergenzaabruzzo@modavi.it - Responsabile:Giovanni Corbo – cell. 327/0499296
POSSIAMO DONARE IL SANGUE ANCHE AL NOSTRO OSPEDALE CHIEDENDO CHE VENGA DATO ALLE PERSONE DELL'ABRUZZO
MEDIAFRIENDS, l'onlus di Mediaset, Medusa e Mondadori, ha aperto un conto corrente per chi volesse dare il proprio contributo per i terremotati dell'Abruzzo. Il conto corrente è intestato a Mediafriends, la causale è "emergenza terremoto Abruzzo". Il beneficiario è Mediafriends, codice Iban: IT41 D030 6909 4006 1521 5320 387
EMERGENZA SANGUE:
Chiunque fosse interessato a donare sangue, può farlo recandosi o presso il Centro Trasfusionale dell'ospedale Santo Spirito di Pescara, via Fonte Romana n. 8 (ingresso pronto soccorso), o presso il centro raccolta sangue Avis Pescara, corso Vittorio Emanuele II
--------------- VOLONTARIATO ----------------------------
Le associazioni di volontariato o i singoli volontari interessati a mettersi a disposizione per l'emergenza terremoto possono contattare i seguenti numeri:Il Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara: 085 2057631La protenzione civile di Lanciano (CH): 0872 710807La protezione civile di Scerni (CH): 0873 919732La protezione civile di Bussi Sul Tirino (PE): 085 9809390La protezione civile di Casoli (CH): 0872 993312La protezione civile di Roseto Degli Abruzzi (TE): 085 8936057L'associazione http://www.modavi.it/, tel: 06/84242188.Coordinamento Regionale dei Centri di Servizio per il Volontariato dell'Abruzzo presso il CSV di Chieti: tel. 0871 330473 e-mail: csvch@csvch.org
Nei prossimi giorni il sito internet www.abruzzocsv.org sarà dedicato all'emergenza terremoto; si potrà compilare un formulario di iscrizione per offrirsi come volontari.
E' possibile inoltre Partire volontari con LEGAMBIENTE:chiamare l’ufficio Volontariato di Legambiente dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 al numero 06/86268323 - volontariato@legambiente.eu
DONAZIONE DI CIBO (A LUNGA CONSERVAZIONE)
INVIARE CIBO (E SOLO CIBO) A:Associazione Banco Alimentare Abruzzo - OnlusVia Celestino V 4 - 65129 Pescara (PE)Tel. 085-43.13.975mail segreteria@abruzzo.bancoalimentare.it
DONAZIONE ACQUA, CIBO, VESTITI, COPERTE, GENERI DI PRIMA NECESSITA’
Servono casse d’acqua, coperte, vestiti, cuscini, sacchi a pelo, pannolini per bimbi, latte in polvere, assorbenti per anziani, carta igienica, e tutti i beni di prima necessità. Gli aiuti si possono sia inviare in pacchi per posta o con corriere, oppure portarli direttamente a (N.B. eventualmente contattare l'ente per prendere accordi):
ROMA
Centro raccolta Croce Rossa ItalianaVia Ramazzini 31 (Zona Gianicolense, vicino all'ospedale S. Camillo) Per informazioni importanti, chiamate la C.R.I qui: 06/65.33.623 (ma solo se necessario, viste le numerose telefonate che ricevono per l'emergenza in corso).
ROMA
"Fare ambiente"Via Nazionale, 243, RomaTel. 06.484409 – 335.1353330ROMAViale Tor di Quinto, parcheggio del Gran Teatro, prosegue la raccolta di ACQUA SIGILLATA (in bottoglia). Fino a venerdi'.
NAPOLI
Centro raccolta “Croce Rossa Italiana”via s. Giovanni a Teduccio 45, Napolitel 0812286820(n.b. inviare solo vestiti NUOVI, per quelli usati rivolgersi alla Caritas)
PESCARA
Federazione Prc (Rifondazione Comunista) di Pescara, via F. Tedesco 8, centro di raccolta materiali e di accoglienza, referente Richi: 339.3255805 (generi di prima necessità come acqua, pasta, latte UHT, biscotti)
PALERMO
Circolo Vella di Rifondazione Comunista : raccolta di generi di prima necessità e di fondi.via dei Credenzieri 11giorno 7 aprile dalle 16.00 in poi3890328844 info@prcvella.orgStiamo organizzando un furgone di aiuto alla popolazione abruzzese e il vostro sostegno serve ADESSO!!!!
LANCIANO:
Raccolta coperte, omogeneizzati, latte, acqua, farmaci da banco e generi alimentari in scatolacentro raccolta della chiesa di S.Chiara
OFFERTE DI ALLOGGIO
N.B. sotto troverete tutte le info che siamo riusciti a raccogliere. Fate riferimento ad un unico referente per la vostra offerta, onde evitare disguidi!
Per i posti letto IN ABRUZZO:
Contattare l'Assoturismo Abruzzo, tel: 0854308309
Per il resto d'ITALIA:chiamate la vostra PREFETTURA di competenza, indicando il n. di posti letto messi a disposizione, il n. di giorni, il vostro n. di telefono e nome. Le prefetture contatteranno la Protezione Civile che raccoglie tutte le disponibilità!
Per offrire disponibilità di alloggio: l’UDU sta cercando posti letto telefonare allo 06.43411763 o scrivere a organizzazione@udu.it
OFFRI ALLOGGIO AI TERREMOTATI? CONTATTA LA PROTEZIONE CIVILE A QUESTO NUMERO VERDE 800860146
ORGANIZZAZIONI IN LOCO
La Federazione Prc (Rifondazione Comunista) di Pescaravia F. Tedesco, 8centro di raccolta materiali e di accoglienza per gli evacuati.Singoli o strutture che abbiano la possibilità di accogliere gli sfollati: chiamare il numero 085.66788Chiunque volesse partecipare all'organizzazione dei soccorsi può chiamare:Federazione Prc Pescara: 085.66788 (accoglienza evacuati)Richi: 339.3255805 (generi di prima necessità come acqua, pasta, latte UHT, biscotti)Marco Fars: 334.6976120Francesco Piobbichi: 334.6883166o spedire una mail: piobbico@hotmail.comServono generi di prima necessità (acqua, pasta, latte UHT, biscotti), coperte, tende, gazebo e materiale utile alla rimozione delle macerie ATTENZIONE! non partite senza aver prima chiamato.
CGIL di Pescara in Via Benedetto Croce, 108.Da domani 7 aprile a partire dalle ore 09:00 potete portare pasta, scatolame, latte e caffè Venite in tanti, c'è bisogno di tutte/i.
L'Amminsitrazione Comunale di MONTESILVANO, con il Banco Alimentare dell'Abruzzo, in via Celestino V (zona Tribunale Nuovo), ha promosso per domani 7 Aprile una raccolta di viveri presso la palestra delle scuole elementari di Montesilvano centro.
LA PROTEZIONE CIVILE RITIRA BENI PRIMARI PER I TERREMOTATI AL -- BAR VESPUCCI A PESCARA --. C'è BISOGNO DI ACQUA, CARTA IGENICA, PANNOLONI ASSORBENTI PER ANZIANI, E DERRATE ALIMENTARI NATURALMENTE A LUNGA CONSERVAZIONE. CI VEDIAMO TUTTI AL VESPUCCI.LA RACCOLTA PER ORA DURA UNA SETTIMANA, POI CI DIRà LA CROCE ROSSA IL DA FARSI!
DONAZIONI DI DENARO
Donazioni alla Fondazione Banco Alimentare Onlus:CONTO CORRENTE POSTALE N° 28748200Intestato a: Fondazione Banco Alimentare OnlusCausale: emergenza terremoto Abruzzo
Altro modo di donare alla Fondazione Banco Alimentare Onlus:
CONTO CORRENTE BANCARIO Banca Prossima
IBAN IT52L0335901600100000003514Intestato a: Fondazione Banco Alimentare Onlus
Causale: emergenza terremoto Abruzzo
Donazione online alla Fondazione Banco Alimentare Onlus:http://www.bancoalimentare.org/donazioni
Causale: emergenza terremoto Abruzzo
Versamento alla Croce Rossa:Banca Nazionale del Lavoro - Filiale di Roma Bissolati -Tesoreria - Via San Nicola da Tolentino 67 - RomaC/C BANCARIO n° 218020intestato a Croce Rossa Italiana Via Toscana, 12 - 00187 Roma,IBAN: IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020
Causale PRO TERREMOTO ABRUZZO
Altra possibilità di donare alla Croce Rossa:Conto Corrente Postale n. 300004intestato a: Croce Rossa Italiana, via Toscana 12 - 00187 RomaCodice IBAN: IT24 - X076 0103 2000 0000 0300 004Causale: PRO TERREMOTO ABRUZZO
Link per le donazioni online alla Croce Rossa:http://www.cri.it/donazioni
Versamento alla Caritas:
Numero di conto corrente postale 82881004,IBAN: IT77K0760103200000082881004,intestato a Caritas Diocesana di Roma,
causale: terremoto Abruzzo
Versamento alle Misericordie d'Italia:Monte dei Paschi di Siena,Codice Iban: IT03 Y010 3002 8060 0000 5000 036
Donazioni al Conto Corrente Bancario di Rifondazione Comunista:intestato a: RIFONDAZIONE PER L'ABRUZZOIBAN: IT32J0312703201CC0340001497
Bonifico bancario a Mediafriends:conto corrente intestato a: MediafriendsIBAN: IT41 D030 6909 4006 1521 5320 387Causale: terremoto Abruzzo
Gli operatori di telefonia mobile Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia, d'intesa con il Dipartimento della Protezione Civile, hanno attivato la numerazione solidale 48580 per raccogliere fondi a favore della popolazione dell'Abruzzo. Ogni Sms inviato contribuira' con 1 euro, che sara' interamente devoluto al Dipartimento della Protezione Civile per il soccorso e l'assistenza. Il sistema sara' operativo dalle ore 23 di stasera.Dalle ore 9 di domani, sara' possibile donare 2 euro attraverso chiamata da rete fissa di Telecom Italia, utilizzando lo stesso numero: 48580.
Il Dipartimento della Protezione Civile fornira' tutte le indicazioni sull'utilizzo dei fondi raccolti.
DONAZIONE DI SANGUE (NON PIU' URGENTE!)
Per donare sangue, che fa sempre bene, contattare i seguenti numeri:CENTRO AVIS DEL LAZIO (A CUI SI STA APPOGGIANDO L'ABRUZZO): 06 491340SEDE AVIS DI PESCARA: 085/42.24.820PRENOTAZIONE DONAZIONI AVIS PESCARA: 085-4221129 CENTRO TRASFUSIONALE DELL''OSPEDALE SANTO SPIRITO DI PESCARA: 085/425 26 87 Oppure rivolgetevi alla struttura AVIS più vicina, che potete trovare qui:

***

Ieri sera, verso le 19,45, ero seduta sul divano: improvvisamente ha iniziato a tremare, due piante della stanza oscillavano, così come una piantana accanto al divano. La scossa di terremoto di magnitudo 5.3 si è sentita nitidamente anche a Roma. Penso a una cosa, queste scosse sono terribili qui... immagino cosa possano essere per gli abitanti dell'Abruzzo.
Non riesco a comprendere come sia potuto capitare tutto questo. Non riesco a comprendere. Sono senza parole. Naturalmente sono vicina col cuore a tutti quelli che stanno soffrendo in queste ore. Mi auguro che si possa fare di tutto per ricostruire al più presto le abitazioni di quelle persone, spero che non siano dimenticati, come troppo spesso è capitato in passato nel nostro Paese, quando dopo i primi giorni di emozione, gli sfollati erano lasciati al loro destino nei container. Spero che presto, presto, presto si possa agire concretamente per ridare speranza a quella gente.

Non voglio polemizzare, ma penso un'altra cosa. I terremoti non si possono prevedere, certo; nessuno può sapere in quale giorno e a che ora avverrà un sisma. Ma in quella zona erano quasi 4 mesi che si susseguivano più di una volta al giorno scosse, era dal 14 dicembre che gli abitanti convivevano con le scosse e gli esperti avevano rassicurato che non c'era nulla di cui allarmarsi. Che, in pratica, era una cosa "normale" avere scosse ogni giorno. Ebbene, io non sono una sismologa e non ne capisco nulla, ma durante questi mesi di "sciame sismico", ritenuto normale, a nessuno è mai sorto il dubbio che, un giorno o l'altro, una di queste scosse potesse essere più forte e distruttiva delle altre?? Possibile?? Io sono allibita! Come si fa a dire che nessuno poteva aspettarsi una scossa così... laddove ce n'erano da mesi?? Voglio dire, a Roma il rischio sismico è minimo (nel corso della storia la Capitale non ha mai avuto terremoti distruttivi e le scosse registrate avevano sempre epicentro da un'altra parte), se domani un terremoto, con epicentro qui, distruggesse Roma... allora sì, che sarebbe un terremoto inaspettato: giacché Roma non è zona sismica e non c'erano state avvisaglie; ma una zona che subisce ripetute scosse nell'arco di mesi interi... come si fa a parlare di "terremoto inaspettato"?? Indubbiamente nessuno poteva dire "il 6 aprile 2009 alle 3,32 ci sarà un terremoto distruttivo", ma dopo quattro mesi di scosse era lecito pensare "prima o poi una di queste potrebbe essere più forte". Per me questa è una tragedia annunciata. I sopravvissuti non hanno fatto altro che ripetere che loro se lo aspettavano, sapevano che sarebbe accaduta una disgrazia. Ora, non so se quel tizio, Giuliani, avesse ragione a preannunciare il terremoto, forse il suo metodo per rilevare terremoti in anticipo non ha fondamenti scientifici, ma rimane il fatto che quattro mesi di scosse quotidiane non si possono ignorare.

La presidente della provincia de L'Aquila ha detto che non esisteva nemmeno un piano di evacuazione. Come mai?? Io non dico che dovevano far spostare la gente così a capriccio, ma dovevano fare dei punti di raccolta preventivamente preparati e stabiliti in caso di scosse più preoccupanti; dovevano dare gli ordini ai sindaci, in caso di scosse violente e ripetute, di ordinare alla gente di uscire di casa e andarsi a raccogliere in punti di raccolta all'aperto, come lo stadio. Quando la sera di domenica ci sono state diverse scosse forti alle 22,00, poi alle 23,00 e a mezzanotte, se ci fosse stata un'organizzazione simile la gente sarebbe uscita e si sarebbe raccolta nello stadio e si sarebbe salvata, avrebbe passato la notte all'addiaccio ma sarebbe viva. Invece dopo la scossa della mezzanotte sono tutti rientrati in casa e sono andati a letto, perché avevano detto che non esistevano pericoli. Io non dico che dovevano evacuare tutta la città, ma in caso di emergenza creare dei punti di raccolta preventivi. In fondo, L'Aquila non ha 15 milioni di abitanti come Città del Messico... quindi la sua popolazione si poteva far muovere quantomeno in punti di raccolta.

Dicono che ci saranno altre scosse, forse più forti di queste avute finora. La paura è enorme e ormai quei paesi sono distrutti, irrecuperabili probabilmente. Chiese, monumenti, palazzi distrutti. Tragedia nella tragedia. Persone morte, sfollati, case distrutte, chiese distrutte.

Io amo molto L'Aquila. Ci sono stata due volte: nel luglio 2005 e nell'agosto 2006. Ci sono stata una prima volta e ne rimasi così colpita tanto che ci ritornai l'anno seguente. Ho visitato tante città italiane, posti bellissimi... ma nessun luogo mi aveva lasciato un'impronta, un segno, una sensazione emozionale come L'Aquila. Un affetto inspiegabile per questa città. Ho pensato spesso che mi sarebbe piaciuto vivere lì e ho sperato di tornare in visita prima o poi. Ora L'Aquila è distrutta e forse non tornerà mai come prima. Sono atterrita e annichilita da questo.

Mi rimangono le foto che ho scattato a L'Aquila nelle due visite che ho fatto. Foto che trovate in fondo a questo post: è il mio ricordo commosso ed emozionato di una città che amo moltissimo. Una città che spero possa risorgere. Nelle foto potrete vedere le cose migliori de L'Aquila: la Basilica di Santa Maria di Collemaggio (con la teca del santo Celestino V, il papa che abdicò dopo soli 5 mesi di pontificato), la roccaforte spagnola dove ha sede il musero dell'Abruzzo e dove si può ammirare lo scheletro di un Mammuth trovato nella zona negli anni Cinquanta o Sessanta, la Chiesa delle anime sante (quella la cui cupola si sta via via sgretolando), un'altra chiesa di cui non conosco il nome e altri angoli della città.

Spero di poter tornare un giorno a L'Aquila e rivivere quell'emozione che mi ha trasmesso nelle mie due visite precedenti.








Il Mammuth





Santa Maria di Collemaggio






Ancora Collemaggio


La cappella interna alla Basilica


L'interno della Basilica






La teca di Celestino V













La chiesa della Anime Sante

























La roccaforte spagnola






11 commenti:

Le Favà ha detto...

E' assurdo che ci sia stato un tale disastro. E' completamente assurdo.

Grazie per le info Silvia.

articolo21 ha detto...

Tutte le informazioni sono utili. I blogger, in tal senso, possono essere determinanti. Anche per colpire i furbi.

Silvia ha detto...

E' una catastrofe assurda. Nessuno, nessuno, nessuno dovrebbe mai vivere una simile apocalisse. E' assurdo che sia accaduta una tragedia così.

E' assurdo che lì ci siano stati 4 mesi di scosse quotidiane e che nessuno si sia mai posto il problema se potesse essere il sintomo che qualcosa di terribile stava per capitare.

Nessuno mi toglie dalla testa l'idea che questa è una tragedia annunciata.

epifasi ha detto...

molto bello e istruttivo il tuo blog

l'incarcerato ha detto...

Silvia, ottimo quello che stai facendo. E ottime osservazioni.

Tutto quello che hai fotografato, ora non c'è più...

Silvia ha detto...

Epifasi: grazie del complimento!

Incarcerato: lo so, è tutto distrutto. Ieri sera, al tg, ho visto la basilica di Collemaggio: è aperta in due. E' una tragedia terribile tra morti e distruzioni.

Rosa ha detto...

Ti capisco Silvia, anche da noi la terra ballerina ci fa spesso sussultare i cuori.
Purtroppo il Mezzogiorno deve fare i conti, non solo con la natura ma anche con la disonestà di taluni imprenditori edili che hanno da secoli sulla coscienza migliaia di morti.
Speriamo che la genta possa riacquistare quanto prima, la giusta serenità.

Baci
Rosa

Clelia ha detto...

spero tanto che gli aiuti continuino finchè tutto non si sarà ristabilito

un abbraccio da Londra

Clelia

katiu ha detto...

Rosa, hai perfettamente ragione! Il sud ed il centro Italia devono anche fare i conti non solo con la furia della natura, ma anche con lo scempio creato da taluni personaggi.

Silvia, sapere che ciò che si è visto una volta ora non esiste più .. è una tragedia!
Io l'avevo provato con il terremoto di Assisi, vista prima della catastrofe .. e rivista dopo la costruzione.
Speriamo in bene anche ora!

Silvia ha detto...

Rosa: sì, sì la colpa è dei costruttori, la maggioranza senza scrupoli e disonesti che pensano solo ad arricchirsi.

Stella ha detto...

Grazie delle info Silvia...un pensiero di solidarietà ai terremotati è terribile quello che è successo