CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

giovedì 16 aprile 2009

obiettivo prevenzione del tumore al seno

Mortalità Zero: prevenzione del tumore al seno








Presupposti scientifici.
Il carcinoma del seno colpisce circa una donna su nove, con un’incidenza in aumento ma un tasso di mortalità in progressiva diminuzione grazie alla diagnosi precoce e a terapie mirate. La strategia attuale per l’ulteriore miglioramento della prognosi si basa su progetti volti a diagnosticare il tumore sempre più precocemente, ad adottare terapie personalizzate in grado di guarire il massimo numero di casi, a studiare la genetica dei tumori per conoscerne in anticipo la sensibilità ai farmaci in modo da scegliere l’approccio corretto per ogni paziente. I tumori sono tra loro diversi per caratteristiche biologiche (e queste caratteristiche dipendono dal loro DNA), e la scelta terapeutica non può essere basata su protocolli standardizzati ed eccessivamente generali: è necessario che ogni malattia sia vista come entità a se stante, con le conseguenti decisioni terapeutiche. Il punto cruciale nella cura dei tumori della mammella è la precocità della diagnosi, perché essa è legata a una prognosi molto buona.

Obiettivo del progetto.
La Fondazione Veronesi finanzia la ricerca clinica nel tumore del seno, sostenendo lo studio clinico sulla chirurgia radioguidata delle lesioni mammarie non palpabili: queste lesioni, piccolissime, sono quelle con la massima probabilità di guarigione, e devono essere asportate tempestivamente con una tecnica chirurgica precisa ed efficace che consenta di ottenere la rimozione totale del tumore con margini chirurgici liberi da malattia, e con un impatto estetico ottimo per la paziente. La tecnica più moderna di asportazione chirurgica dei tumori del seno non palpabili è stata ideata all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e prende il nome di ROLL (Radioguided Occult Lesion localisation): una piccola quantità di tracciante radioattivo viene iniettata nella zona da operare, che viene successivamente rimossa chirurgicamente grazie alla guida di una sonda che capta la radioattività.

Importanza del progetto ROLL.
All’IEO il numero di pazienti trattate con questa tecnica ha già superato 5000: questa casistica è molto preziosa perché, a oggi, rappresenta il campione più numeroso al mondo di donne operate per un tumore al seno in fase estremamente precoce. Ogni osservazione su questo grande numero di pazienti inciderà senz’altro sulle statistiche globali che riguardano la malattia diagnosticata precocemente, con le conseguenze ovvie sugli esami di screening. È necessario e prioritario valutare con una raccolta di dati meticolosa e un’analisi statistica precisa il guadagno in termini di sopravvivenza di queste pazienti: i dati di sopravvivenza e controllo della malattia (quanto la tecnica permetta di evitare il ripresentarsi del tumore nello stesso seno) saranno preziosi anche e soprattutto per rinforzare l’importanza della diagnosi precoce del carcinoma del seno. Tumore mammario piccolissimo uguale massima probabilità di sopravvivenza, massima curabilità, e anche ottima probabilità di risultato estetico eccellente: l’analisi dei dati delle pazienti trattate con ROLL all’IEO sarà il migliore indice di queste affermazioni.

Fondazioneveronesi.it

10 commenti:

katiu ha detto...

E' una malattia che troppe volte viene sottovalutata. Ed invece bisogna prevenire e fare i test di controllo!

Silvia ha detto...

già, è vero!

articolo21 ha detto...

Brava Silvia. Sempre attenti i tuoi post.

Le Favà ha detto...

Giusto ricordare questa prevenzione.
Brava Silvia!

Ormoled ha detto...

Una mia amica durante un controllo ha scoperto un tumore sul seno destro è stata operata al CRO di Aviano con la tecnica che hai descritto tu, forse era ancora sperimentale perchè ricordo che aveva firmato delle autorizzazioni, e ora sta perfettamente. Come dici tu la prevenzione è fondamentale in questi casi, investire 1 ora, forse meno, in una visita salva la vita!
ciao

Stella ha detto...

Bel post Silvia giusto la prevenzione è fondamentale!

l'incarcerato ha detto...

Sempre vigili. Se preso in tempo, si può benissimo curare.

Un abbraccio Silvia!

il Russo ha detto...

Un post importante, volevo solo ricordare che alla fondazione Veronesi che tu citi si può destinare il proprio 5 per mille.

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good