CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

domenica 22 febbraio 2009

pillole musicali festivaliere


Anche quest'anno l'abbiamo sfangata col festival di Sanremo. Non farò recensioni, giudizi o considerazioni sulla kermesse: non mi competono. Voglio solo riportare un paio di strofe di canzoni in gara che mi hanno particolarmente colpita.
***
"E’ un paese l’Italia di ragazze stuprate
Dalle carezze di un branco cresciuto
Dentro gabbie dorate"
(Masini - L'Italia)
Questa strofa è emblematica: sapete, quando dicono che il cane/i sono di "buona famiglia"?? Ebbene, sono proprio quelli di "buona famiglia" che ammazzerei per primi, dal momento che sono i primi delinquenti.
***
"Per le vergini vendute come carne da macello
Per ogni donna che ha un uomo che non la ascolta
Ce l’hai un attimo per me? Perché c’è troppo bisogno di aiuto
Ti prego dimmi mentre il mondo piange Dio dov’è"
(Gemelli Diversi - Vivi per un miracolo)
Mi domando, con costanza sempre più sospetta, come mai Chi di dovere ha voluto tanto e tale disparità fisica tra uomini e donne, facendo sì che la donna fosse destinata a soccombere all'uomo a causa della sua meno "prestanza fisica", ben consapevole fin da principio che l'uomo - vista la sua indegnità - avrebbe usato la sua supremazia fisica non di certo per scopi nobili. Dinanzi tale violenza a Chi mi devo appellare per avere giustizia?
***
Le donne non sono mai sole
Sanno che c’è qualcuno che le amerà
E quando piangeranno, e quando soffriranno
Sanno che in fondo ad una lacrima c’è una forza
Sarebbe bello volare via, adesso
Vedere il mondo da lassù
Gridare contro l’indecenza
Contro chi ruba la speranza
Per ogni donna c’è una stella e un desiderio arriverà
Le donne vivono d’amore
Segreti, labbra rosse ma con dignità
Quando lavoreranno, quando ti stupiranno
Sanno trovare forza in un ritorno
A volte siamo come il mare
Che abbraccia forte la città
Noi che cerchiamo la coerenza
Ad occhi chiusi in una stanza
Con la certezza che ci passa, vedrai domani passerà
Gridare contro l’indecenza
Contro chi ruba la speranza
Per ogni donna c’è una stella ed un desiderio arriverà
Le donne non sono mai sole
(Silvia Aprile - Un desiderio arriverà)
Non è il mio genere musicale, questo. Affatto. Ma è un testo che parla delle donne e del loro mondo (anche se in maniera piuttosto banale) e questo non posso che apprezzarlo: biosgna parlare di più delle donne, del loro sentire, delle loro vicende. Perché si parla ancora troppo poco e male di donne e questo spiana la strada alla violenza e discriminazione.
***
"Come può un uomo uccidere con il suo Amore
E pensare di consolarsi… perché è stato un errore…"
(Patty Pravo - E io verrò un giorno là)
Già, me lo chiedo anche io come possa un uomo uccidere col suo amore. Forse perché non è amore?
***
Meno male che durante la kermesse c'è stata Sincerità, Spiove il sole, Come foglie e Buongiorno gente....

9 commenti:

Le Favà ha detto...

E poi ha vinto Marco Carta. Lo so non c'entra nulla con quello che intendevi. Ma questo serviva per segnalare la bassezza dell'italianità degustibus.

Silvia ha detto...

Almeno ha vinto Arisa con Sincerità e questo mi rende soddisfatta!!!!!

;-)

Pupottina ha detto...

non l'ho seguito per niente sanremo, ma ho preferito il tuo approfondimento sui testi che fa pensare davvero...

Calliope ha detto...

Non l'ho seguito..
ma ho sentito dire in tv di un linguaggio sociologico molto usato nei testi...e tu ne hai dato dimostrazione.
Se se ne parla vuol dire che qualcosa c'è...di brutto da combattere e condannare.
Speriamo bene..per tutte.

Rosa ha detto...

Speriamo che gli autori dei testi (che hai citato) e gli interpreti siano fortemente convinti di quello che dicono, altrimenti sarebbe il solito "mero calcolo".
P.S. per segnalare il manifesto di forza nuova scrivi a: ics@sucardrom.191.it allegando la foto.
GRAZIE! :))

Bacioni
Rosa

katiu ha detto...

Nella finale di ieri sera mi sembrava di rivivere la finale di Amici .... paura!

luly ha detto...

Ma i riferimenti al mondo delle donne, sono stati sinceri, voluti o solo una trovata pubblicitaria scaturita dagli spiacevoli eventi di attualità?
Ad ogni modo, non ho seguito minimamente il Festival e non me ne dispiace, ma spero che ai buoni propositi cantati nelle canzoni e alle belle parole, seguano fatti concreti.
Un bacio, Silvia!

calendula / trattalia ha detto...

io da musicista ho apprezzato arrangiamenti e orchstrazioni, i vincitori per me dovevano essere altri, perchè è il festival della CANZONE!! capisco il tuo punto di vista e so che tu sei in buona fede ma lasciami dire che i testi che hai citato non vengono dal cuore ma dalla voglia di colpire e di fare soldi con la disperazione e le disgrazie altrui... se ci fai caso infatti i testi che tu hai citato sono TUTTI stati scritti da uomini.... Marco Masini è un misogino dichiarato che un paio di anni fa ha scritto un testo come " bella stronza" i gemelli diversi nei loro video musicali molto spesso fanno vedere le classiche scene da "rapper" con loro in discoteca e donne seminude che gli strusciano intorno... degli altri due ( la canzone di silvia aprile e scritta da Pino Daniele e quella della Pravo da un ragazzo sardo) non dico nulla sono bellissime canzoni.... qualcuno si è lamentato del primo posto di Marco Carta, non sono una sua fan ma o preferito che vincesse lui piuttosto che quella specie di profeta di provincia (povia) con le sue canzoni tutte uguali e piene di finte verità... ho preferito che vincesse Marco carta piuttosto che Sal da vinci raccomandato da uno ( gigi d'alessio) che non fa mistero di avere molti amici camorristi...
detto questo aprezzo moltissimo e stimo moltissimo la tua forza nel condannare la violenza sule donne apprezzo infinitamente l'impegno che ci metti perchè è vero e sincero.
Un bacio calendula

Silvia ha detto...

Calendula: io sono convintissima che i testi di Masini e simili siano scaturiti per motivi di calcolo! Perché sono consapevole che in Italia quando si parla di donne e della violenza che subiscono E' SEMPRE per motivo di calcolo e tornaconto (il governo ha fatto il decreto anti-stupri per calcolo mica per tutelare le donne, non per niente...). Perciò sono ben consapevole che sarebbe chiedere troppo che fossero sinceri e onesti quando trattano di affari femminili... perciò io dico SEMPRE che devono essere le donne a parlare di donne e gli uomini, che non sanno NULLA, devono stare ZITTI! Di questi testi, calcolo o meno, però apprezzo il parlarne in un contesto mediatico come Sanremo: purché si parli di donne, io prendo tutto ciò che viene. L'importante è parlare di donne. Poi, ovvio, ne dovrei parlare io... perché io so COME parlarne, ma se lo fa chi viene ascoltato... in mancanza di qualcosa di meglio, mi devo accontentare della baracca.... per il momento...

Della bellezza delle canzoni non mi pronuncio: le mie preferite sono quelle delle nuove proposte (Arisa, Irene, Malika Ayane, Dolcenera e Ania, quella che ha vinto Sanremo web), quindi non m'interessa se siano belle o meno le altre!

Marco Masini NON mi è mai piaciuto (e il suo bella stronza sarebbe un complimento rispetto a come intitolerei io una canzone sugli uomini...), i rapper non mi piaceranno MAI proprio per i loro videoclip e Sal da Vinci... beh, io detesto Gigi D'alessio... quindi, capirai da sola che non ho simpatia per quel genere!

;-)