CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

sabato 8 novembre 2008

diagnosi preconcepimento: fiocco rosa a rieti!

Analisi prenatale, nata a Rieti la prima bambina






E' nata a Rieti una bimba sana grazie alla diagnosi genetica pre-concepimento: è il primo caso al mondo. Attraverso l'analisi del globulo polare, una struttura che si forma nell'ovocita durante l'ovulazione, un'équipe guidata dal ginecologo Massimo Moscarini dell'ospedale Sant'Andrea di Roma, è riuscita ad evitare che la bambina nascesse con la malattia ereditaria di Charcot-Marie-Tooth. I ricercatori, infatti, analizzando il dna sono riusciti a prevenire la trasmissione da madre a figlia della malattia. La creatura è nata ad ottobre e la Fiom ha comunicato che tra sei mesi ci saranno altre due gravidanze post diagnosi. I medici che hanno elaborato la tecnica parlano di "via italiana" alla dignosi pre-impianto, bandita nel nostro Paese dalla famigerata legge 40.
La bambina è stata concepita con una tecnica di procreazione assistita che dovrebbe mettere "d'accordo" scienza ed etica cattolica. Il procedimento consiste in una "diagnosi genetica pre-concepimento" che consente, appunto, alle coppie portatrici di malattie genetiche o cromosomiche, come la talassemia, di concepire figli sani, in provetta, senza ricorrere alla selezione dell'embrione; l'annuncio è stato dato giovedì al Congresso della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia a Roma.
Praticamente, invece di analizzare il dna dell'embrione, l'analisi viene anticipata a prima della fecondazione, ottenendo le stesse informazioni ma senza violare la legge 40 che vieta l'analisi preimpianto degli embrioni per scopi eugenetici. L'analisi viene condotta sull'ovocita materno, prima che sia fecondato dallo spermatozoo del partner. "La diagnosi genetica pre-concepimento seleziona gli ovociti (e non gli embrioni) in cui sia assente l'anomalia genetica materna, in modo da produrre embrioni sani" ha spiegato Donatella Caserta dell'Università La Sapienza.





L'argomento "fecondazione assistita" mi vede molto attenta a sensibile ai suoi svariati problemi. Me ne ero occupata già diversi mesi fa, e mi pare più che giusto parlarne ancora, quanto più possibile. Vorrei fare solo una breve considerazione. Questa nuova tecnica tutta italiana serve ad "aggirare l'ostacolo" della palizzata innalzata dalla criminale legge 40, legge che grida vendetta, ossia consente di poter permettere in anticipo di vedere se il nascituro avrà malattie e così facendo d'intervenire in tempo affinché il pericolo sia scongiurato. Tutto ciò in rispetto della famigerata legge. Questa soluzione è una buona soluzione, innovativa e sensazionale, di grande utilità... ma ciò non ci faccia dimenticare che il problema divieto "diagnosi pre-impianto" esiste tutt'ora in Italia, cosa che obbliga tantissime coppie al "turismo del concepimento" all'estero, laddove tale tecnica sia accettata ed eseguita senza patemi. Questo costringere ai sopracitati viaggi del concepimento, nella speranza di dare alla propria creatura una vita, un futuro senza qualche terribile malattia, è a dir poco criminoso! Noi che abbiamo i mezzi, dovremmo cercare di alleviare quanto più possibile i dolori evitabili... invece di appellarci a tesi moralistiche/etiche logore e polverose. Si fa tanto richiamo al "valore della vita"... e poi s'impedisce a chi vuole un figlio che sia sano da terribili malattie, le quali segnano un'intera esistenza, quando si ha la certezza che sarà malato, di intervenire prima. Spesso mettendo un paletto alla stessa possibilità di averlo, questo figlio.
Rendere la vita migliore non è un delitto, non è un crimine, non è una colpa. Tantomeno una colpa di un genitore.

11 commenti:

Mali Cunfusioni ha detto...

bellissimo post!

credo che la legge sulla fecondazione sia stata fatta in maniera frettolosa e, purtroppo, abbia avuto un notevole peso la componente "etica" cattolica, che ha legato un pò le mani alla ricerca italiana nel settore.

spero che primo o poi qualcuno si svegli e si chieda come mai stia aumentando il "turismo del concepimento all'estero" da parte degli italiani.

PS: scambio links?

Stella ha detto...

E' una notizia posisitiva. Speriamo di sentirne altre di questo genere.

P.s. ho pubblicato il risultato del test sul personaggio dei libri di Jane Austen

Buon fine settimana
ciao

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Bella notizia. Una dimostrazione di come la ricerca possa essere l'unica via di uscita per alleviare o evitare sofferenze.
Un caro saluto.

Blogger ha detto...

Bel post, non avrei letto la notizia altrimenti.
Non conosco bene l'argomento, vorrei solo che le leggi venissero fatte senza un'influenza di un paese straniero sovrano a noi vicino, troppo.
Solo questo.
Bel post, ancora, e auguri alla bambina e a chi vuole fare figli, anche a quei peccatori che utilizzano mezzi diabolici per scongiurare malformazioni o malattie.
Blogger
ITALY ITALIA

l'incarcerato ha detto...

Io approvo in toto il commento che mi ha preceduto!

viola ha detto...

ciao Silvia, arrivo in ritardo e mi accodo ai commenti precedenti...
baci!!!

Aglaia ha detto...

Silvia,grazie.
perchè pur essendo nel campo,nessuno ancora aveva parlato di una cosa così eclatante.
sulla chiesa che sia d'accordo ho dei timori....ma forse son prevenuta...mah!:-(
un abbraccio :-)

Blogger ha detto...

Grazie per il bel commento sul mio blog e, ancora, per questo post.

Blogger
ITALY ITALIA

Pupottina ha detto...

buon inizio settimana

^___________________^

xina ha detto...

Finalmente una buona notizia!
Anche se è tanto triste doverla festeggiare, perchè questo ci ricorda come in Italia la legge 40 vieti ad un genitore di scegliere di NON far soffrire il figlio....ci ricorda che molte coppie si rivolgono all'estero x la fecondazione artificiale.....ci ricorda che siamo ANCORA TROPPO indietro.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

La notizia è bellissima

La Legge 40 invece è un abominio!