CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

lunedì 21 luglio 2008

delirium tremens: ovvero il reportage della mia seconda presentazione...!!!

Ragazzi miei, vista la grande richiesta e curiosità dimostrata da parte vostra per la mia seconda presentazione del romanzo (caspita, vi ho pagati tutti profumatamente…), vi posto a tempo di record il reportage della serata! Insomma, ragazzi, con la mia ammirevole solerzia vi evito scene di panico collettivo, tipo capelli strappati, per l’estenuante attesa… e mi accingo a deliziarvi con il resoconto… ;-)





Dunque, stavolta giocavo in casa, come sapete, dopo il viaggio a Empoli d’un mese fa (e le tragicomiche avventure per arrivarci… tra fogli stampati da Google Maps con il percorso metro per metro…), sabato sera ho dovuto fare pochissima strada per approdare alla libreria. Stavolta ad accompagnarmi, assieme ai miei genitori, c’erano mio fratello e mia cognata e… mio nonno!!! (che ha 94 anni ed è stato il primo a finire di leggere il libro quando è uscito!!!!!! E non si è nemmeno sconvolto per la scena d’amore che ho inserito…. Suvvia, non fate quella faccia!!! Niente di trascendentale!!! E’ un’innocentissima scena d’amore…. C’è il mio amico Schiavi o Liberi che l’ha letto e può testimoniare che non è niente di esageratamente erotico… vero Marco???!!!! E poi… ahò… la carne è debole!!!!!!). Insomma, verso le 19, 40 arriviamo a destinazione. La libreria Rinascita è ancora tranquilla, in effetti la serata inizia alle 20,30 e l’appuntamento con tutti gli autori è fissato per una mezzoretta prima (tanto per fare mente locale e organizzarsi). Quindi sono leggerissimamente in anticipo… Diamo un’occhiata alla locandina esposta sulla vetrina (ahhhhh, che meraviglia…) e intanto aspettiamo aggirandoci nei dintorni. Pochi minuti dopo arriva Paolo Izzo che è l’organizzatore dell’evento nonché egli stesso autore della Ibiskos: un ragazzo davvero simpatico e alla mano! Ci presentiamo e poi si entra dentro. La libreria è fichissima!!!!! Non è la solita libreria impeccabile, tipo mega-super Feltrinelli seriose, ma una libreria assolutamente ALTERNATIVE e underground: c’è un’ampia sala con i scaffali a parete, ma ad esempio al posto dei soliti banchetti con i libri esposti ha dei tavolini metallici con le rotelline (opportunamente spostati in seguito) che fanno molto trendy!!!! Sulla sinistra si apre un piccolo spazio “lettura” con delle poltroncine e di fronte c’è una caffetteria fenomenale!!!!! Le pareti sono “affrescate” con sagome e decorazioni vagamente cinematografiche… insomma, avete presente quei loft fichissimi che si vedono nei film o nei telefilm americani… come “Friends”??? Ecco, un ambiente molto simile!!!!! Commentavamo con mia cognata che quella era la libreria più fichissima che avessimo mai frequentato!!!! Molto Bohémien… da far impazzire il mio Tom… (chi è Tom??? Ahh, beh, dovete comprare il mio libro per conoscerlo…). Gironzolo per qualche minuto tra gli scaffali… ahhhhh, fermatemi o compro tuttooooo!!!! Poi con mia cognata ci mettiamo a leggere un libriccino (stampa alternativa) sui strafalcioni che fanno i pazienti nel pronunciare i nomi delle proprie malattie (ad esempio: “Ho il morbo di Pakistan”) e ci facciamo due risate! Quelli della libreria hanno messo su un po’ di musica: un cd di un gruppo italiano (o meglio, io penso sia un gruppo… ma non so, non son sicura…) che suona una melodia vagamente anni ‘60 e una delle canzoni dice qualcosa sul fatto che “La mia casa è invasa dalle zanzare..” (non so esattamente le parole) e mi soffermo particolarmente perché mi pare di averla già sentita questa canzone… mmmm… forse su “Radio Rock Italia” che trasmette tutti gruppi e cantanti un po’ da sottobosco musicale sconosciuti al grande pubblico… è una radio che si sente solo a Roma (penso)… anche perché negli spazi pubblicitari parlano solo di locali romani tipo il Qube (voi romani lo conoscete??) e poi parlano tutti borgatari… penso si ascolti solo a Roma… l’avete mai sentita??

Pian piano arrivano gli altri autori, non conosco nessuno a parte un ragazzo, Lorenzo, che c’era a Empoli (colui a cui ho chiesto l’autografo!!!!), ci salutiamo timidamente, mentre intanto la serata è ormai ai blocchi di partenza! Ci siamo tutti, il pubblico si piazza sulle sedie… e si parte! Paolo Izzo inforca il microfono e fa una sorta di introduzione alla serata; racconta come si svolgerà la cosa, con tre autori alla volta che saranno chiamati a sedersi sul divanetto rosso in pelle e avranno dieci minuti a disposizione per parlare della loro opera, quindi chiama all’appello i primi tre. Un ragazzo di Roma, una signora e il mio amico Lorenzo.













(Non capisco perché la data sulla foto è ferma al 2004...)



La sorpresa e variazione rispetto a Empoli è che non ci viene fatta l’introduzione da parte del moderatore della serata (come aveva fatto Monia un mese fa che ci aveva prima introdotti lei spiegando la trama, poi ci aveva intervistati e alla fine aveva concluso leggendo un estratto del libro), ma siamo NOI che abbiamo campo libero, gettati allo sbaraglio (altro che la Corrida!!!), come veri e propri dilettanti allo sbaraglio ci diamo in pasto simpaticamente al pubblico, nudi e crudi… per quello che siamo!!!
OH, SANTI NUMI!!!!!
Me la sto facendo sotto!!!!! Insomma, fare tutto da sola e saperlo con circa 5 minuti di preavviso è una botta di vita da paura!!!!! Una roba stupefacente… (stupefacente nel senso di delirio allucinatorio da overdose…). Perché, sapete, a Empoli Monia mi aveva introdotto alla perfezione e grazie a lei avevo superato indenne la fase “colica urgentissima datemi una toilette”!!!! Ma fare tutto da sola… Ahhhhhhhhhh!!!!! Ok, niente panico: basta fingere che io sia l’autrice del romanzo e che sappia, di conseguenza, spiccicare due paroline sul suo contenuto… facile, no??!!! Dopo la primissima fase di panico alla notizia di dover andare allo sbaraglio… chiedo a mia cognata se vuole leggere lei l’estratto del libro… Sviene prima che io abbia finito di chiederglielo!!! (tanto che prova a corrompere mio fratello per mandare lui alla lettura… ma mio fratello sbianca peggio di noi due messe assieme!!!), insomma, il problema è che non avendo avuto preavviso alcuno lei è un po’ in imbarazzo (come nemmeno il giorno della laurea, mi dirà in seguito…), inoltre, non essendosi preparata ha paura che la sua recitazione non sarà delle migliori! Ma suvvia, è la spontaneità che conta!!!! Mica siamo al Premio Strega con Marzullo che ci fa le interviste contorte e la Rai che riprende tutto…
Dopo il panico iniziale, mia cognata acconsente!!!!! Sì, ma io me la sto facendo sotto intanto… il momento si avvicina inesorabileeee…. Tic tac tic tac….










Quando finisce di leggere il suo estratto Lorenzo, c’è il cambio e Paolo chiama la prossima triade di autori… il primo non sono io… il secondo non sono io… il terzo non s… ahhhhhhhhh!!!! SONO IO!!!!!!!!!! Stupefacente, come dicevo!!!!! Mi alzo e molto leggiadra ed eterea svolazzo sino alla postazione (non date retta: altro che svolazzo… delirium tremens!!!!!). Mi siedo e assumo la postura gambe incrociate e dita delle mani allacciate che fa molto intellettuale!!! Parla il primo autore e legge un pochino, poi quando tocca al secondo autore (un poeta che reciterà dei versi sul “mestiere dello scrittore-poeta” veramente eccezionali: molto meglio e sentito di Benigni quando recita Dante!!), irrompe un altro signore, autore di una raccolta di racconti, che non potendo trattenersi per la presentazione chiede l’attenzione 5 minuti per leggere una recensione del suo libro apparsa su una rivista… Il gentile signore, però, non ha intenzione di leggere lui il pezzo e cerca di conseguenza uno in sua vece… ebbene? Si volta verso di me, che me ne stavo sedutina buona buona sul fondo del divanetto, e mi chiede “come ti chiami?” e mi invita a leggere per lui!!!!! Ahò… ci ha preso in pieno!!!! Io molto simpaticamente dico che mi chiamo Silvia… e che NON leggo!!!! (anche perché tengo a bada a fatica il deliriooooo, ormai…). Per fortuna arriva in (mio??!!) soccorso Paolo che legge l’articolo…











Dopo questa parentesi, si ritorna al palinsesto e attacca la performance del poeta che vi dicevo… e poi???












E poi….
Dalle nebbie del mio stato di trance, sento Paolo che dice “E ora vi parlerà del suo libro Silvia Ponzo ‘Appena dopo la pioggia… e poco prima del sole’ che è una carinissima favola moderna, lascio la parola a Silvia…”







Ecco!
Io mi alzo e mi siedo sul bracciolo del divano (lascio appositamente il mio posto libero… perché fra poco sarà occupato da qualcun altro…) e poi dico: “Perdonatemi se sembro timida… perché… sì, sono timida!!!!” e vedo che tutti sorridono divertiti… ahhhhh, se solo aveste una pallida idea del delirio quasi assoluto in cui sono gettata…
Vabbè, partiamo a raffica: qualcosa di sensato la dovrò pur dire… (o no???!!!). Inizio a raccontare che lo spunto del libro mi è venuto due anni fa partendo dall’idea di come sarebbe stato raccontare una storia assurda… ma in una maniera tale che risultasse qualcosa di reale. La storia parla di una famiglia di senzatetto, sono clandestini sudamericani, in particolare del Cile e vivono a Roma da un po’; questi sono convinti di essere la Famiglia Imperiale del Cile che per una serie di circostanze, di traversie viene deposta dal Trono ed è costretta a fuggire, giungendo poi a Roma dove si ritrova sulla strada. Naturalmente razionalmente io so che il Cile non è un Impero, che non è mai stato nemmeno una Monarchia e che, anzi, attualmente alla presidenza c’è una donna (ahhhh, pure nel momento del delirio il mio orgoglio femminista non cede il passo!!!!) e teniamocela da conto visto che le donne al potere sono rare! Questi tre – l’Imperatore, sua moglie e la figlia – sono convinti di quello che dicono. Chiaramente nessuno crede loro, li ritengono pazzi… è ovvio che razionalmente ciò è impossibile: sappiamo bene che questo “Impero” non esiste! Poi troviamo Tom che è un volontario della Caritas, è un poeta, un idealista, un ragazzo bohémien, un’anima in pena che è stato un anno in India alla ricerca di se stesso, e tornato da poco si è messo a lavorare alla Caritas in attesa di trovare la sua strada. A un certo punto s’imbatte nella famiglia cilena e ne rimane colpito, affascinato… però non crede alla storia dell’Impero del Cile: anche se è un sognatore con la testa fra le nuvole… la ragione gli dice che questa storia è folle. Ma nasce un amore… con Stella, la principessa nonché erede al trono… e si vede costretto ad assecondare gli Imperatori e a fingere di credere a questa storia…Ora, io non so come finisce questo romanzo… io so che razionalmente il Cile non è un Impero… ma penso che bisogna credere ai sogni e soprattutto alle cose assurde… perché magari si scopre che le cose assurde potrebbero risultare vere… mentre la razionalità non sempre la dice giusta. Questo è il messaggio che volevo dare nel scrivere questo romanzo: esortare a credere all’assurdo ed emarginare la ragione… poiché la ragione… non sempre ha ragione!!!!!! Ammazza, quanto ho declamato… fortuna che deliravo!!!!!


(Oddio, che espressione faccio in questa foto... sembro un alieno!!!!!)


A quel punto, ho fatto cenno a mia cognata di avvicinarsi “la mia assistente”, come l’ho definita, e lei sedendosi nel posto che le avevo liberato poco prima, come un treno ha letto un pezzetto del romanzo!!! La parte in cui Tom è alla sua prima “udienza particolare” con sua maestà Juan Rodrigo Domingo XIII imperatore del Cile e dell’Isola di Pasqua… nella sala comune del Centro Accoglienza della Caritas, una scena ai limiti del paradossale!!!!! (tra l’altro mia cognata poco prima tutta allarmata mi aveva chiesto l’esatta pronuncia dei nomi degli Imperatori… sapete, lo spagnolo…).







Mia cognata legge davvero bene (un po’ veloce… ma l’adrenalina è a mille!!!! A proposito, ma sapete che mia cognata detiene il Copyright del nome del mio blog??? È stata lei, una domenica di gennaio, a coniare il nome “lo stuzzicamente” e ne va particolarmente orgogliosa!!!! Anzi, spesso mi chiede se qualcuno mi ha fatto i complimenti per la “genialità” del nome del blog… e ci rimane male del fatto che nessuno si è mai complimentato con me per questo!!!! E io le avevo promesso che prima o poi avrei colto l’occasione per reclamare i complimenti per il nome del blog…. Allora???!!!! Che ne dite del nome del blog?????!!!!!!); mia cognata legge benissimo l’estratto e poi… ci colgono gli applausi!!!!!!!!! Abbiamo riscosso un grande successo!!!! Io ho notato che mentre parlavo molti sorridevano e annuivano compiaciuti e durante la lettura tutti assorti!!!!!
















ABBIAMO SBANCATO!!!!!!!! E pensare che è stata una cosa improvvisata e nemmeno provata… senza contare l’imbarazzo…. Ma siamo state bravissime e la spontaneità ci ha premiate!!!! E’ proprio vero che la genuinità e la semplicità pagano di più!!!! Siamo state spontanee e quel pochino “imperfette” che paradossalmente ci ha reso perfette e soprattutto VERE!!!!!
Ahhhh, beata gioventù… beata follia… bea…. DELIRIUMMMMM!!!!!!!! ;-)
Dopo esserci beccati gli applausi (meritati) e varie proposte di matrimonio… oddioooo, mo sto a esagerà!!!! Niente proposte…. Ma qualche rosa rossa…. Ok, nemmeno le rose…. E’ il delirioooo!!! Al termine dell’applauso lasciamo spazio agli altri autori. Raggiungo mio fratello che si complimenta e mi dice che sono stata brava, che si è visto che era una performance spontanea, perciò è piaciuta, che ho spiegato bene la trama e che Cristina (mia cognata) ha letto bene (anche se lei pensa di aver letto troppo velocemente, senza mai alzare il viso verso la platea), ma mio fratello che è visibilmente COMMOSSO, EMOZIONATO, QUASI CON LE LACRIME AGLI OCCHI (che carino!!!) dice che è andata alla grande!!
Quando gli altri autori hanno terminato, ci si alza tutti e si va al brindisi. Un informale “rompete le righe” in cui gli autori e il pubblico familiarizzano, si scambiano idee, commenti, complimenti ecc.
Volete sapere, ehhh??? Ho fatto il pienone di COMPLIMENTI!!!!!!! Ragazzi, vado via come il pane, sapete??? Sono meglio di una baguette!!!!! ;-))
Uno degli autori mi avvicina e complimentandosi mi domanda se ho scritto racconti per l’infanzia: dato che essendo una sorta di “favola” il mio romanzo lui per associazioni di idee ha subito pensato che potessi aver steso già racconti per bambini. No, non ho mai scritto racconti per bambini (anche perché il mio libro è, sì, una specie di favola… ma affronta tematiche molto adulte e serie, perciò è un testo adatto sia per un ragazzo che per un lettore più adulto). Inoltre, io ho scritto un altro romanzo (inedito) che parla di tutt’altro argomento, molto più impegnativo (come superare e se è possibile superare il dolore per la perdita di una persona amatissima); però il ragazzo continua a insistere sul fatto che potrei scrivere testi per bambini e io sono d’accordo che sarebbe bello, inoltre essendo brava a disegnare potrei fare anche le illustrazioni, a patto che non si scrivano racconti per bambini come se fossero destinati a dei cretini (credo che l’errore che si possa fare scrivendo un libro per l’infanzia sia quello di ritenere i bambini cretini e scrivere quindi qualcosa di cretino… ma in realtà loro sono più intelligenti degli adulti!!! La fregatura è che i bambini diventano cretini quando diventano adulti…). Ad ogni modo, le osservazioni e la chiacchierata con questo ragazzo mi hanno fatto molto, molto piacere!!!!
Dopo mi si avvicina una ragazza che ha presentato un bel saggio sul… CILE!!!! Un saggio che ripercorre gli anni tremendi del golpe e di Pinochet, quindi molto serio. Mi fa tantissimi complimenti, mi dice che l’ha colpita moltissimo il messaggio del mio romanzo “credere nelle cose assurde che possono anche essere vere”, soprattutto l’ha colpita la frase che ho detto “La ragione non sempre ha ragione”. Poi mi dice che è rimasta colpita dall’attività di Tom come volontario alla Caritas… e mentre le sto dicendo che è qualcosa di poco conosciuto ma importantissimo… avviene lo straordinario: lei mi dice che COLLABORA CON LA CARITAS!!!!!!!!!!! Ho sbarrato gli occhi sconvolta!!!!!!! Questo è un segno del destino, ho pensato! Insomma, non solo lei ha scritto un saggio proprio sul Cile ma lavora pure con la Caritas… è stato un incontro propizio, straordinario, da congiunzione astrale favorevole!!!!!!! Ero commossa!!!! Non avrei mai creduto che potesse capitarmi tale coincidenza (anche se, devo dire, dopo aver scritto il romanzo… molte cose legate alla storia mi sono capitate….). Mi fa tantissimi complimenti e parliamo un pochino del Cile, di tutto quello, di tutte le atrocità sommerse e sepolte che se venissero a galla costringerebbero l’opinione pubblica mondiale a smettere di fingere indifferenza e a confrontarsi con la follia della Storia… così da evitare, come purtroppo avviene ancora, che accadano le stesse cose… giustificandole come azioni “giuste”; lei mi domanda come mai ho scelto il Cile per la mia storia: volevo una nazione che fosse lampante che non è mai stata una Monarchia… tra l’altro mi sono interrogata se fosse giusto parlare di golpe in maniera fantasiosa e scherzosa nel mio libro… laddove c’è stato davvero un sanguinoso colpo di stato in Cile… Poi ho pensato che qui in Italia abbiamo avuto in regime totalitario e quindi so il significato di confrontarsi con la Storia… e poi in Germania molti registi ebrei oggi fanno film in cui esorcizzano l’immane tragedia della Shoah girando film comici sull’argomento… tanto da convincermi a non avere riserve sull’impiego del Cile per la mia storia; anche perché mi sono avvicinata con grande umiltà sia al Cile sia al mondo dei clochard e dei volontari della Caritas. Davvero una bella chiacchierata, permeata come dicevo da un senso di straordinario, sospesa di tanto in tanto da altre persone (sia pubblico che autori) che venivano a complimentarsi con me, tutti sorrisi, e mi dicevano che pian piano avrebbero comprato i libri!!!!! Saluto Lorenzo e così… sfilando uno dopo l’altro verso l’uscita… la serata si avvia a conclusione….
Uhhhhh, l’ho sfangata anche stavolta!!!!!!! ;-)
E soprattutto noto che la mia storia piace e diverte. Il messaggio che voglio portare viene accolto e condiviso. E l’originalità, l’originalità, l’originalità… affascina e incuriosisce, strappa sorrisi… e insomma, leggetelo, ragazzi miei!!!!!!!!! Leggetelo e…. non ve ne pentirete: modestamente è bellissimo… e voi potreste pensare che io ne decanto la bellezza e genialità SOLO perché ne sono l’autrice… ebbene, no! Non è così!!!!! Vi dico di leggerlo perché è veramente bellissimo e molto simpatico…. E il piccolo, trascurabilissimo dettaglio che ne sono l’autrice è assolutamente un caso… o no??!!! Dài, con voi ci scherzooo!!!!! Però che il libro è bello e vale la pena… beh, non lo dico io… o meglio non lo dico SOLO io: ME L’HANNO DETTO IN MOLTI…
Un’altra etilica, alcolica, stupefacente serata di delirio è andata in porto e mattoncino dopo mattoncino sto esplorando e mi sto addentrando in questo strano, pazzo, mondo dell’editoria!! La strada è lunga e difficile, qualche ostacolo si pone davanti al mio cammino e mi promette croci e delizie… ma la spontaneità e la follia mi guidano fedeli e io mi lascio trascinare… ben consapevole che la razionalità sarebbe intollerabile e sono qui che procedo. E sono qui che aspetto a braccia aperte, pronta ad accogliere tutto, tutto, tutto ciò che vorrà venirmi incontro….
E poi ahò… sono un genio e mica sto a cambià l’aria!!!!!!! ;-))

La mia avventura continua….

35 commenti:

articolo21 ha detto...

Vedo che in questo post è uscita strepitosamente bene la tua tipica propensione alla sintesi ahahah... non potrai mai fare la giornalista... questa è una cosa sicura... :)... ma poi tu e il bracciolo siete usciti a cena insieme, almeno? E comunque: bravaaaaaaaa.

M!KA ha detto...

sei invitata a partecipare al concorso: "L'Allegria Premia!". per partecipare basta passare dal mio blog, e lasciare un commento! ti aspetto! nel frattempo, valuto il tuo interesse e poi ti metto tra i miei link utili!!! ciao a presto!

lindividua ha detto...

*shhhhhh* non dirlo in giro, ma la Lindöz c'è ancora.. ;-)

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Complimenti per la presentazione, sembra quasi che il libro l'abbia scritto tu. Scherzo... Ecco allora chi è Cristina della dedica iniziale. Brava Silvia.... L'ho sempre detto io che bisognava avere fiducia in questo giovane talento. In effetti non mi sbagliavo. Brava, Brava, Brava. E pensare che sono stato uno dei primi a leggerlo.Tom è orgoglioso di te. Comunque povero nonno, con quella scena ha rischiato un arresto cardiaco...scherzo nulla di ecclatante.Ormai nulla può più fermarti verso il Nobel, hai la strada spianata.

A proposito, sai che il tuo blog ha proprio un bel nome? Di chi è l'idea?

Coraggio... che l'Impero del Cile non è poi così lontano.
Ciao
un caro saluto

calendula ha detto...

ho appena ordinato il libro attraverso la tua casa editrice, sai qui in Zaire è difficile far arrivare le cose, e anche i pacchi arrivano solo con la croce rossa, scherzi a parte, sono strafelice che la presentazione sia andata bene, avrei voluto esserci, ti giuro che sino all'ultimo ho pensato di prendere l'areo farti una sorpresa e poi tornarmene a casa!!, ma al prossimo libro vedrai !!!CI SARO'

AndreA ha detto...

Complimenti!!! :-)))

Comunque "lo stuzzicamente" non è male... ;-)

Un abbraccio, a presto!! :-)

Ste ha detto...

Non so se ti avevo detto che amo leggere, libri in primis (sono diventata nottabula per leggere) e è una delle cose in cui più dissipo soldi, e che mia madre ha fatto la tesi in Lingue straniere su Jane Austen motivo per cui ho letto tutti i suoi libri all'inizio del liceo (da qualche parte dovrei anche aver il libro con le lettere che inviava alla sorella Cassandra) e Pride and Prejudice è tra i miei preferiti in assoluto (un incipit così bello è difficile da trovare).
Ok ho scritto in un modo un po scalmanato ma parlare di libri mi esalta un po ^^
Comunque comprerò il tuo libro (non poteva essere altrimenti)
Ste

l'incarcerato ha detto...

Bravissima! Da come hai raccontato sei stata veramente una grande e poi sono contento che tu abbia conosciuto persone interessanti!

Stuzzicamente? Ma lo sai che da tanto che volevo dirti che è un bellissimo nome? Riferisci a tua cognata..

Sono credibile? Dai, comunque è carino come nome sù ;)

Silvia ha detto...

Articolo21: Fabrizio!! Ma è una mia impressione o me stai a pià per culo?????!!!!!!! ;-)))

Hai ragione: NON ho il dono della sintesi!!!!!!!!! Ma scrivo talmente bene e talmente è un piacere leggermi... che è un bene che io non sia sintetica, o no???!!!! :-P

Io e il bracciolo??? Ma sono cose personali, queste! :-0
No, sono uscita a cena con lo scaffale della narrativa straniera...!!!!!!!

Silvia ha detto...

M!ka: benvenuta!!! d'accordo, vengo subito a vedere!!!! ;-)

***

Lindividua: shhhhhhh, ok: non lo dico a nessunooooo!!!!! ;-))

Silvia ha detto...

Marco: grazie, caro!!! Hai visto, ho finto talmente bene... che pare che sia io l'autrice???!!! Scherzi a parte, sì, sono molto contenta!!!!! Sì, il libro è dedicato a mio fratello (Giampiero) e mia cognata (Cristina), mistero svelato!! Sei uno dei miei primi scopritori!!!! Grazie della tua fiducia... Tom è orgoglioso e lo è anche il mio manager, vero???!!!!! Daiiiii, la famosa scena mica è così esagerataaaa!!!!! ;-)))

Ahhhh, il Nobel... beh, quando mi daranno quello per la Letteratura... tu riceverai quello per la Pace!!!!! ;-))

Ti piace il nome del blog, ehhhh???!!!!! ;-))

L'Impero del Cile... esiste, se uno è all'altezza di crederci... scoprirà che esiste....

Gatta bastarda ha detto...

bravaaaaaaaaaaaa e complimentiiiiiiiiiiiiii

Silvia ha detto...

Calendula: grazie, cara!!! Spero che ti piaccia!!!!! Daiiii, che Cagliari mica è così distante!!!!!! Davvero pensavi di fare un'improvvisata???? Uhhh, che carina!!!! Comunque, quando vuoi venire a Roma io sono qui!!!! E alla prossima presentazione mi auguro che prenderai quell'aereo!!!! ;-)))

Silvia ha detto...

Andrea: grazie!!!!!!! Hai visto che bel nome il blog, ehhhh????!!!!

;-))

Silvia ha detto...

Ste: ahhhhh, che bello abbiamo un'altra cosa in comune!!!! Anch'io dissipo i miei soldi in libri!!!! Scrivere e leggere sono le mie ossessioni!!!! E che dire di Jane Austen??? la ADORO!!!! Una grande scrittice e una femminista ante litteram: come potrei non adorarla??? Uno dei miei sogni sarebbe quello di scrivere un romanzo ispirato ai suoi libri...

Orgoglio e pregiudizio è assolutamente perfetto, assolutamente!!

No, dai, hai scritto benissimo e poi anch'io mi esalto quando parlo di letteratura!!!! ;-))

Grazie, cara, che vuoi comprare il libro!!!!! Spero sia di tuo gradimento!!!!! ;-))

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Non avrai il dono della sintesi ma hai quello dell'ironai e della simpatia. Il tuo resoconto è divertente, incalzante, senza un istante di tregua.

Davvero convincente.

Ciao
Daniele

Silvia ha detto...

L'incarcerato: grazie!!!!!! Ho fatto del mio meglio e sono stata me stessa... e sì, ho fatto degli incontri davvero eccezionali!!!!

E daiiiiii, non fare il birichino!!!!!! Carino il nome, però, vero???!!!! Dirò a Cristina che ti è piaciuto molto!!!!! ;-))

Silvia ha detto...

Gatta: grazieee, cara!!!! ;-))

***

Daniele: grazie delle tue (belle) parole, grazieee!!!! ;-))

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Certo che sono orgoglioso, sei stata davvero brava.I miei più sinceri auguri e complimenti. Ciao carissima.

Silvia ha detto...

Marco: grazie, caro!!!!! Grazieee!!!!

;-))

articolo21 ha detto...

C'ho er gusto della battuta ahaha... a proposito: tagliate i capelli... troppo ordinaria per essere una scrittrice ;)

Silvia ha detto...

Articolo21: anch'io c'ho er gusto pe' la battuta!!!!!! ;-)

Tagliarmi i capelli???!!!! :-o

Perché??? I capelli lunghi non fanno "scrittrice"????!!!!! Vabbè, me li taglierò quasi a zero e me li tingerò di rosa schokking....!!!!!

pansy ha detto...

Un post strepitoso!! BRAVISSIMA!!!!!!!!!!!!!

daniela ha detto...

Ah ah vorrei averla io un po' della tua faccia tosta!

Io non ho ancora fatto la presentazione per il mio libro e sinceamente l'idea mi... terrorizza!

Ma tra poco mi tocca, sigh.

Poi dici, perchè non diventi famosa, se uno non ha il coraggio nemmeno di fare una presentazione... vabbè! :-)

Pensa che a me avevano offerto anche un'intervista in tv... non ce l'ho fatta! Mi sentivo male solo all'idea.

Comunque complimenti per la tua, mi è sembrato tutto molto carino e che tutti fossero a proprio agio, il che è importante.

Io sono il contrario di te... sintetica oltre misura. Così almeno lo sono stata nel mio primo libro. Nel prossimo (che è in fieri) sto cercando di essere meno concisa, ma il fatto è che quando non lo sono mi sento prolissa.

Tu invece scrivi a profusione! Chissà se si scrive come si vive. :-)

Un abbraccio e a questo punto in bocca al lupo per la terza presentazione!

articolo21 ha detto...

Me piace perchè a volte me chiami Fabrizio e a volte Articolo21 ... dipende dall'umore se vede... e cmq io dico un taglio sul collo... e non nel senso della ghigliottina ^^

Silvia ha detto...

Pansy: grazieeeee, cara!!! ;-))

***

Daniela: ma in realtà, non è che io abbia tutta 'sta faccia tosta!!! Anzi, sono piuttosto tranquilla... non per niente io scrivo e attraverso la parola scritta mi esprimo! Anche io ero terrorizzata di far la presentazione e lo sono tutt'ora... ma è quello che sogno da sempre, tutto ciò, e ora che ce l'ho non potrei mai tirarmi indietro! Devi trovare il coraggio anche tu, cara! Devi semplicemente essere te stassa, presentarti per come sei... questo è il solo segreto! Davvero! ;-))

Mamma mia, hai rifiutato l'intervista in tv???? Uhhhhh, sarebbe stato grandioso, però! Ma è giusto che tu faccia quello che ti senti di fare!!!

Sì, è stato tutto molto carino, simpatico!! Un bel clima gioiso!!!

Sai, non credo che essere sintetici o prolissi sia meglio o peggio: ognuno è quello che è e si esprime di conseguenza! Io devo scrivere a fiume, devo scrivere migliaia di parole, le idee mi si affollano in testa e premono selvagge per uscire... quasi non dipende da me!!! Sono le parole che mi comandano a bacchetta e io eseguo i loro ordini!! Non potrei mai pensare di scrivere poco!!! Scrivo finché le parole ci sono... e tutte le volte sono MILIARDI!!!!!!

Per esempio ho scritto il commento della serata che apparirà sul sito della casa editrice, beh, ho sforato anche lì...

Per esempio l'altro mio romanzo (il primo cronologicamente parlando, ancora inedito) è composto da 250 pagine e il terzo (che terminerò prima o poi) si dovrebbe aggirare attorno alle 200 pagine...

Non so se si scrive come si vive... ma io SONO quello che scrivo e vivo attraverso le parole...

In bocca al lupo anche per la tua di presentazione: facci sapere!!!! E forza e coraggio!!!! ;-))

Silvia ha detto...

Articolo21: veramente prima mi sono dimenticata di chiamarti Fabrizio!!!! Ma se vuoi ti chiamo sempre Fabrizio da ora in poi!!!!! Che te ne pare, Fabrizio???!!!!

Ahhhhhhh, il taglio sul collo!!!!!! E il colore, va bene il rosa shokking???!!!!! ;-)))

Pellescura ha detto...

Prima di leggere guardo sempre la lunghezza dei post nei blog.
Questa mi sembrava un'impresa titanica e invece ce l'ho fatta e pure senza fatica. Brava.

Silvia ha detto...

Pellescura: grazie!!!! Beh, sì, lo so che scrivo veramente TAAANTOOO (mi fanno tutti "nera" per questa ragione...) e ciò potrebbe scoraggiare, ma almeno sono scorrevole e credo che alla fine arrivare in fondo ai miei post non sia un sacrificio così tremendo, o no?!

Darjo ha detto...

e brava!

Buongiorno.

sole ha detto...

ciao silvia!!
complimenti per il libro!!!
veramente!!
e volevo dirti grazie per aver,i lasciato un commento...!
ciao ciao!
eeeeeeeeeeeeeeeeeeee...
IN BOCCA AL LUPO!!!

La Lunga ha detto...

ciao! avrei voluto aggiungerti tra i miei blog preferiti ma mi da dei problemi aggiungere il link. è cmq solo una cosa rimandata ok?

Silvia ha detto...

Darjo: grazie!!! Buongiorno a te!!

***

Sole: Crepi il lupo!!! Grazieeee a te!!!

***

La lunga: io ti ho già aggiunto tra i miei link!!!

sole ha detto...

ciao!!!
si che puoi!!!
ciaociao!!
un bacione

Silvia ha detto...

Sole: grazie!!! ;-))