CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

mercoledì 21 maggio 2008

contro qualsiasi violenza sulle donne, un impegno serio! fatelo girare!!!


Ho trovato questo post sul blog della mia amica Aglaia. Contiene una serie di indicazioni su come è meglio comportarsi in caso di aggressione per evitare qualsivoglia tipo di violenza da parte di uomini per strada. Se potete, fatelo girare tra tutte le conoscenze femminili che avete... ché è estremamente importante. Ne va dell'incolumità, se non della vita, di centinaia di migliaia di donne... vergognosamente bersagli mobili assai facili per chicchessia, laddove la violenza maschile e l'indifferenza non trovano mai un termine. Grazie!
VIOLENZA Un gruppo di violentatori in prigione è stato intervistato per sapere ciò che cercano in una potenziale vittima. Ecco qui alcuni elementi interessanti:
1) La prima cosa che i violentatori notano in una potenziale vittima è la pettinatura. E' più probabile che attacchino una donna con una pettinatura tipo coda di cavallo, treccie o qualunque altra pettinatura che si possa strattonare facilmente. E' probabile anche che attacchino donne con i capelli lunghi. Donne con i capelli corti non sono vittime usuali.
2) La seconda cosa che essi notano è l'abbigliamento. Osservano le donne che vestono abiti che si possano togliere o eliminare rapidamente. E' solito anche che attacchino donne che parlano al telefono o che stanno facendo altre cose mentre camminano: questo indica che sono disattente e disarmate e possono essere facilmente attaccate.
3) Le ore del giorno in cui i violentatori attaccano maggiormente le donne è a prima mattina, tra le 5:00 e le 8:30, e dopo le 22:30
4) Questi uomini attaccano in modi e in luoghi in cui possano portare la donna rapidamente in altri luoghi, dove non si debbano preoccupare di essere visti o arrestati. Se Lei tenta qualunque reazione alla lotta, i violentatori solitamente desistono approssimativamente in due minuti: credono che non ne valga la pena, che è una perdita di tempo.
5) Hanno dichiarato che non attaccano donne che portino con loro ombrelli o altri oggetti che possano essere usati come arma a una certa distanza (le chiavi non li intimidiscono perchè per essere usate come armi, la vittima deve far avvicinare molto l'aggressore).
6) Donna, se qualcuno ti seguisse in una strada, vicolo o garage, o se stessi con qualcuno con fare sospetto in un ascensore o in una scala, guardalo direttamente in faccia e chiedigli qualcosa, tipo 'Che ore sono?' Se fosse un violentatore, avrà paura di essere successivamente identificato e perderá l'interesse di averla come vittima. L'idea è convincerlo che non vale la pena scegliere te.
7) Se qualcuno si presenta improvvisamente e ti afferra, grida! La maggior parte dei violentatori ha detto che lascerebbe andare una donna che grida o che non avesse paura di lottare con lui. Ripeto: Essi cercano la VITTIMA FACILE. Se gridi, potrai mantenerlo a distanza ed è probabile che scappi.
8) Stai sempre attenta a quello che succede dietro di te. Nel caso in cui percepisci qualsiasi comportamento strano, non lo ignorare. Segui il tuo istinto. E' meglio scoprire che ti sei sbagliata e prenderti solo paura al momento, ma hai la certezza che sarebbe stato molto peggio se il soggetto ti avesse attaccato realmente.
9) In qualunque situazione di pericolo, nel caso in cui tu debba gridare, grida sempre 'AL FUOCO! AL FUOCO!' e molte persone arriveranno (curiosi). Nel caso in cui gridassi AIUTO!, la maggior parte delle persone si asterrebbero per paura.
10) Fammi una gentilezza: invia questa e-mail a tutte le donne che conosci e anche agli uomini; questi possono mandarlo ad amiche, mogli, figlie, fidanzate, alla fine... sono cose semplici, ma possono evitare un trauma o persino salvare una vita.

7 commenti:

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Ciao. Ho messo un link nel mio blog che riporta al tuo articolo.Visto i momenti, è giusto darsi una mano.Purtroppo la situazione è seria e non solo in Italia. Stasera ho partecipato ad un incontro sull' Afghanistan dove le cose al riguardo sono terribili. Domani farò un articolo. Ti dico solo che circa l' 85% delle donne è vittima di violenza. Il cammino, è ancora lungo e ricco di lotta.

Silvia ha detto...

Grazie!! La tua collaborazione è davvero fondamentale per portare avanti una causa - tra le più drammatiche della nostra società - assai ben nota ma troppo spesso dimenticata! Quando viene violentata e/o uccisa una donna... l'atto vergognoso di violenza passa in secondo piano: perchè prende posto SOLAMENTE la strumentalizzazione politica! A quel punto- specie se il carnefice è straniero - si parla SOLAMENTE di SICUREZZA e non di VIOLENZA SULLE DONNE... una piaga che non ha nulla a che vedere con la sicurezza: poichè la violenza sulle donne è perpetrata da uomini INDIPENDENTEMENTE dalla loro nazionalità, ma solo in quanto uomini... certa ipocrisia oltre ad essere insopportabile è perfino dannosa per la causa di tutte le donne...

So, per quanto mi sia possibile, la situazione/condizione/concezione delle donne in diversi Paesi del mondo a rischio e so che molte delle aberrazioni cui le donne sono costrette vengono tenute sotto silenzio... ma è chiaro che le prime vittime di qualsiasi zona disastrata siano proprio loro. E so che le autorità poco o nulla fanno per debellare tali violenze/discriminazioni/sopraffazioni... Che cosa possiamo fare? Anzitutto, NON voltare lo sguardo dall'altra parte e fingere che il problema non esista... parlarne, fare informazione, far circolare le notizie, denunciare i soprusi, non accettare passivamente la situazione... Dici bene, il cammino è ancora lungo e l'integrazione/accettazione di qualsiasi donna in qualsiasi parte del mondo è ancora lontana... ma dobbiamo iniziare a capire che soltanto noi possiamo accorciare questo lungo cammino... e non aspettare che si accorci da solo, che lo vedo molto improbabile...

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Non c'è bisogno di ringraziare. Si chiama solidarietà per una giusta causa. Anche se al giorno d' oggi, la parola solidarietà rischia purtroppo la stessa fine dei Panda.
Ciao ciao

Silvia ha detto...

Ohh, la solidarietà, temo, è GIA' estinta... sennò non saremmo allo sbando come, invece, siamo! Ahimè, troppe sono le "giuste cause" completamente ignorate dall'opinione pubblica, dalla legge ecc. perciò qualsiasi segno di solidarietà per me è oro colato! Grazie ancora!!!! ;-)

il Russo ha detto...

dio santo che schifo, siamo ancora al livello che una donna ha degli orari da seguire, deve uscire in asseeto di guerra, deve usare certi accorgimenti...
Ma quanto si è bestie per violare una donna?

Silvia ha detto...

Il russo: Sì, è terribile che per noi donne la vita debba essere "blindata": sempre vissuta con lo spauracchio della violenza, dello stupro, della morte per aggressione dietro l'angolo (buio). Questo è lo specchio di una società fallita, quello che siamo! Lo so... non poter uscire da sola dopo le otto di sera perchè rischio di non far ritorno a casa, la paura di trovarmi in zone isolate e buie, la consapevolezza di essere bersagli mobili fin troppo facili per qualsiasi uomo... tutto ciò non è un bel modo di vivere; non è bello - lo dico da donna - vivere sapendo di avere una vita imprigionata, di non poter avere le stesse libertà dei maschi e di avere precluse molte possibilità (che limitano di fatto la mia libertà) per il fatto di essere donne, quindi minacciate per questione di genere! Il genere umano maschile dovrebbe vergognarsi già SOLO per questo: aver reso la nostra vita di donne un incubo anche solo a livello di semplice "esistere"! Dovrebbero vergognarsi del fatto che grazie alla loro follia per tutte noi donne VIVERE non sarà mai la stessa cosa che vuol dire vivere per un uomo! Sono stanca di dover accettare una vita "imprigionata" per colpa degli uomini, sono stanca!

Quanto si deve essere bestie per violare una donna?? Mmm... non molto evidentemente: considerando che agli uomini viene così facile e spontaneo... da sempre...

Nicole ha detto...

ho postato sul mio blog questo articolo. ti ho anche linkata
ciao