CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

giovedì 10 aprile 2008

liberatela!!!!!!!!


Voglio sommare la mia voce a tutte quelle che, in ogni angolo del mondo, gridano per chiedere la liberazione di Ingrid Betancourt, da sei anni prigioniera in Colombia nelle mani dei guerriglieri delle Farc. Ingrid era candidata alle ultime elezioni presidenziali colombiane con la lista Verde Oxigeno. Ingrid era la speranza di portare la Colombia oltre la guerra civile che la insanguina da mezzo secolo, di liberarla da Esercito, Narcos, terroristi delle Farc e paramilitari sotto il cui giogo è tenuto in scacco il Paese. Ragione per cui Ingrid era considerata una figura scomoda, scomodissima, da eliminare per tutti quelli che hanno interesse a mantenere la morsa micidiale e il controllo sulla Colombia.
Ingrid era la speranza, la svolta, la possibilità di virare verso un futuro libero da paure e da tragedie, libero da sangue e terrore. Ma questa speranza è stata spezzata sul nascere e da sei anni ci domandiamo cosa ne sarà di lei, ci chiediamo che senso abbia continuare a trattenerla.
Le notizie che rimbalzano quotidianamente ci parlano di una Ingrid ridotta allo stremo: malata di epatite b, lesmaniosi, malaria; ma soprattutto, è sfiancata nella mente, nello spirito, nell'angolo più immerso e nascosto del suo animo... dicono che si rifiuti di nutrirsi, che si stia lasciando morire di fame... Forse è già troppo tardi per aiutarla...
La scorsa settimana una missione medico-umanitaria era giunta in Colombia dalla Francia per cercare di giungere laddove Ingrid e altri 39 ostaggi vengono tenuti prigionieri e portare conforto, ma i guerriglieri si sono rifiutati di far entrare il contingente francese e si è persa un'occasione per FARE LA COSA GIUSTA.
Intanto, le manifestazioni, le petizioni continuano perchè bisogna andare avanti finchè Ingrid non sarà liberata... Ohhhh, c'è da vergognarsi, c'è da gridare di rabbia e di follia nel vedere una donna innocente ridotta alla prostrazione fisica e psicologica senza che ci sia una sola lacrima di pena, di pentimento per lei da parte dei suoi aguzzini.
Ma allora è questo che spetta, in questo mondo sbagliato, alla Speranza??? E' questo che c'è in serbo: offesa, dolore, annientamento??? VERGOGNA!!! Che questa vergogna cessi!!!
LIBERATELA!!!
Per info:http://www.betancourt.info/indexIt.htm

11 commenti:

Elenina ha detto...

Giusto, andare avanti e proseguire senza sosta affinche questa dona venga liberata.!!!

Grazie per i consigli, peraltro molto graditi.. ^^
E grazie per avermi linkata qui, lo farò anche io cosi non ti perdo di vista..:)))
Milanista dalla nascita, io. Genovese ma con un papà cresciuto rosso-nero!!!!!!
E tu? romana...e milanista, strano no? :))))

A prestooooo
;P

Elenina ha detto...

..volevo dire DONNA :P

Silvia ha detto...

Sì, è così: bisogna gridare quanto più possibile - anche se cercano di tapparti la bocca - per farsi ascoltare... per far liberare, finalmente, Ingrid! Spero davvero che presto possa tornare dalla sua famiglia...

Beh, grazie a te!! Spero di aver dato un buon consiglio!!! E grazie per il link!!!
Allora, sì lo so che è anomalo che io sia nata a Roma ma di fede milanista... ebbene... la ragione della mia fede rossonera è presto svelata: quando ero piccola ero innamorata di Milano, volevo andare a vivere lì (non so la ragione, non mi ricordo... ma ero fissata!!) e tifare Milan mi sembrava la naturale espressione della mia passione milanese... poi con gli anni la passione per Milano mi è passata... ma quella per il Milan OVVIAMENTE mi è rimasta... molto direi!!! Sono una sorta di ultrà!!!!! Ahhh... ADORO ESSERE DEL MILAN!!!! La tua passione trasmessa dal papà è più che naturale!! Fantastico!!!! Auguro a tutti di tifare Milan... ;-)

A presto!!! ;-)

Elenina ha detto...

Ehehehe amavi milano?
Nn mi è difficile crederlo. io la adoro :)
E' una citta splendida, quando sono venuta a Roma credevo di trovarla simile..e invece x nulla proprio :((
Milano è la capitale della moda, del design,ci sono splendidi locali....
E tutto parte da la, secondo me!
Intendiamoci, non disdegno Roma, ma purtroppo non riesco ancora a sentirla MIA :D

Notte, un abbraccio, se hai bisogno sai dove sono :))))

Silvia ha detto...

Sì, so che Milano è una città molto vivace, attiva, piena di opportunità e iniziative... e poi... insomma c'è San Siro...!!!! Ma anche Roma ha molto da dare; sai, noi romani sentiamo molto "l'appartenenza" (mio fratello rivolto a me, su questa affermazione, direbbe tutto stizzito che sento talmente tanto l'appartenenza che... sono tifosa del Milan!!! Ma che c'entra: la fede calcistica è un'altra faccenda, ed è sacra!!!) e ce ne vantiamo: ti potrei citare le battute di molti attori/comici di ieri e oggi (come Alberto Sordi ma non solo...) che riportano alla perfezione lo spirito di un romano e l'orgoglio di esserlo ("Villeggiatura? Io sò nato a Roma" diceva Albertone!!). Penso che hai solo bisogno di abituarti alla città, al suo ritmo e a quello che ha da offrire!! Quando avrai stabilito il tuo ritmo adattandolo a quello di Roma, beh, credo che ti troverai benone!!!! L'alchimia è assicurata!!! In fondo, tutti gli angoli del mondo hanno un piccolo tesoro da scoprire... basta solo trovarlo!!! Un bacio... notte a te!!!! ;-)

Teddymorsicchio ha detto...

Complimenti per il tuo appello, hai ragione, speriamo che le persone al mondo che si trovano in questa situazione possano vedere evolvere la loro condizione in positivo..Patty

sbriciolata ha detto...

Mi unisco all’appello per Ingrid con la speranza che non sia troppo tardi, che non sia troppo indebolita dalla prigionia e dalla malattia e che non abbia deciso di lasciarsi morire rifiutando cibo e cure

Silvia ha detto...

Teddymorsicchio: grazie! Sai, penso che il fatto di non dimenticare queste persone ma di parlarne - anche nel nostro piccolo, considerando le nostre "limitate" opportunità di farci sentire a livello globale - sia già un servizio importantissimo per aiutarle. La solidarietà, anche se "spirituale", è fondamentale... come una catena di anime unite da un filo invisibile. Spero davvero che lei e chi soffre per la sua stessa situazione possano finalmente essere liberati.

Sbriciolata: già, capisco che dopo 6 anni di prigionia assurda lo sconforto sia totale... ma spero che Ingrid continui a lottare, spero che non si arrenda, che decida di resistere nella speranza di tornare a casa presto; anche perchè se le accadesse qualcosa, beh, darebbe soddisfazione a chi NON MERITA questa vittoria...

Elenina ha detto...

E si,quest'angolino "mio", qui a Roma lo devo ancora trovare!!
Ma confido.... :)))
Ho letto del tuo libro, caspita!!!
Bravissima...complimenti davvero ^^
Ma una copia si puo avere omaggio?? prima che diventi famosa? O__o
sai son genovese..ehehehe
La Kinsella la adoro, vogliamo parlare di "I love shopping"???

Notte cara*
piesse. di quale zona sei? :))

Silvia ha detto...

Elenina: Ma daiiii che lo trovi il tuo angolino... abbi fiducia, che quel posticino speciale esiste e aspetta solo te!!!! Poi mi darai ragione, vedrai!!!! Grazie, grazie... sì, sono una scrittrice!!!! Beh, la copia omaggio la posso concedere per poco tempo: quando diventerò come la Kinsella poi non potrò più... ;-). A parte gli scherzi: sì, la copia omaggio va bene... purchè tu mi faccia un pochino di pubblicità (un passaparola, che so...) in giro, che è sempre gradita... e almeno mi fai diventare famosa come la Kinsella di cui sopra...!!!! Ahhh, Genova gran bella città...ci vorrei andare, prima o poi!!! Vogliamo parlare di I love shopping??? Per me va bene: potremmo stare qui per ore....... ;-). Di che zona sono?... rullo di tamburi... Centocelle!!! Oddio, non sarà il massimo dell'eleganza detto così... ma è il posto dove sono nata e io LO ADORO!!! Tu dove sei??? Un bacio, notte!!! ;-)

Teddymorsicchio ha detto...

Ciao Silvia! ti ho passato sul mio blog un meme..ciao!Patty