CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Non si nasce donne: lo si diventa con il tempo e la volontà"

(Simone de Beauvoir)

giovedì 7 febbraio 2008

è davvero esecrabile la diagnosi pre impianto?

E' davvero esecrabile la diagnosi pre impianto? Davvero è qualcosa di inaccettabile a livello etico e da combattere sino alla fine per scongiurarne un possibile/futuro avvento? Io non so che dire, ma non mi sento di demonizzare questa pratica. Affatto.
Qualche giorno fa ho letto su un quotidiano la testimonianza di una donna sarda portatrice di talassemia (come il marito) che per evitare al bambino di nascere con la stessa malattia ha deciso di ricorrere a questa tecnica: dopo aver avuto l'autorizzazione dal tribunale di Cagliari perchè in Italia è vietata la diagnosi pre impianto dell'embrione.
Tanto per cambiare, qui da noi quando si tratta di temi importanti o siamo in ritardo, o siamo inadeguati o siamo direttamente ignoranti. Perchè non c'è una legge adeguata in materia? Perchè? Perchè una persona è costretta ad andare all'estero per ricorrere a queste speciali cure? Perchè in Italia dobbiamo demonizzare qualcosa di nuovo, solo perchè non lo conosciamo, ci è estraneo, e decidiamo di rifiutarlo a priori senza alcuna possibilità di valutarne i lati positivi?
Perchè questa grettezza assurda? Perchè?
Leggevo l'articolo in cui questa signora, credente e praticante, spiegava di non sentirsi assolutamente una peccatrice che "ha infranto la barriera della dignità umana"solo, e soprattutto, per aver scelto una pratica che ha evitato - perchè sua figlia è SANA - alla bambina la sofferenza della malattia cui era probabilmente destinata; perchè dobbiamo puntare il dito contro una mamma che si è adoperata solo per il bene della sua creatura, per evitare d'imporle il peso di una malattia? La bambina è stata concepita in provetta, altri embrioni erano stati scartati perchè si era visto con l'esame del DNA che nascondevano il gene malato. Secondo alcuni tutto questo è esecrabile e va condannato. Condannare la fecondazione assistita grazie alla quale si è evitato ad una creatura il peso di una vita difficilemnte dignitosa, perchè la talassemia è una malattia impietosa. E se si può fare qualcosa per evitare tutto ciò, chi ha coraggio di accanirsi contro questa madre? Perchè credo che per un genitore sia la cosa più terribile accettare di essere responsabile dell'infelicità e sofferenza di un figlio.
Io mi sento di appoggiare pienamente questi genitori sardi che sono ricorsi alla scienza per strappare la loro bambina alla malattia, perchè hanno scelto di fare qualcosa che si poteva (doveva) fare. Lo so che qualcuno storce il naso perchè crede che non sia giusto "scegliere/selezionare/impostare"artificialmente un embrione e che si dovrebbe sempre e comunque fare affidamento alla natura, ma qui non si sta parlando di ricorrere alla scienza per scegliere se l'embrione avrà occhi scuri o chiari e se da grande farò l'avvocato, ma si sta parlando di ricorrere ad un "aiuto"scientifico - che la nostra evoluzione ci consente - per cercare di rendere migliore la vita ad individui che forse non avrebbero una vita dignitosa e felice; e mi pare che siamo tutti d'accordo nel dire che OGNUNO merita di avere quantomeno gli strumenti per avere una vita dignitosa e felice, no?
Perciò io direi che sarebbe tempo di domandarci, d'interrogarci sulle opportunità che la scienza ci offre. Smettiamola - da veri oscurantisti - di nascondere la testa sotto la sabbia e di cominciare ad affrontare il problema. E di legiferare di conseguenza.
Chi è contrario non ha contatto con la realtà: non capendo o semplicemente non accettando che questi sono i temi caldi del nostro tempo e che meritano di essere affrontati e risolti. Tentare di migliorare, con l'ausilio della scienza, sempre nel pieno rispetto del limite della dignità umana, è realmente immorale?
Perchè mai, perchè cosa ci è stata data in dotazione l'intelligenza? Per evolverci e migliorarci, per alleviare quei mali che si ha la facoltà di alleviare. Nessuno, in nome di una visione ristretta e gretta, può evitare questa evoluzione. Non siamo fatti per viver come bruti, no?

0 commenti: